Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

È in libreria "Raccontami di lei. Ritratti di donne che da Padova hanno lasciato il segno"

È in libreria "Raccontami di lei. Ritratti di donne che da Padova hanno lasciato il segno"

31 donne eccezionali di cui ripercorrere vita e imprese

di Bianca Franchi

PADOVA - Da secoli trampolino di lancio per le eccellenze di tante discipline diverse, umanistiche e scientifiche, alla soglia dell’importante anniversario del suo Ottocentenario nel 2022, l’Università di Padova celebra le grandi figure femminili che hanno contribuito a scriverne la storia con la nuova pubblicazione della Padova University Press, a cura della Redazione de Il Bo Live: Raccontami di lei. Ritratti di donne che da Padova hanno lasciato il segno (264 pagine, 19 euro). 31 donne eccezionali di cui ripercorrere vita e imprese, ognuna diversa ma tutte accomunate dal desiderio di sfidare la mentalità e i limiti del proprio tempo in nome dell’amore per il sapere.

I NOMI - Da Sibilla de’ Cetto, dama imprenditrice che a metà Quattrocento fece costruire l’Ospedale di San Francesco, oggi sede del Museo di Storia della medicina, alla celebre Elena Cornaro, nel 1678 prima donna laureata in filosofia, fino a Milla Baldo Ceolin, nel 1963 la prima a conquistare la titolarità di una cattedra di fisica superiore, agli albori delle battaglie femministe contro stereotipi e subalternità, Raccontami di lei dà vita a un caleidoscopio di colori, ciascuno rappresentativo di una vocazione e di un talento – arte, letteratura, musica, poesia, teatro, religione, filosofia, politica, giornalismo, educazione, scienze, medicina – come spiega nella sua prefazione Antonia Arslan, scrittrice, traduttrice e accademica di origini armene.

LO STILE - Con lo stile che contraddistingue la collana, fusione di narrazione avvincente, arricchita di curiosità e approfondimenti, e ricerca storica rigorosa, si va alla scoperta di personalità femminili che, pur avendo intrapreso - e spesso aperto - le strade più diverse, hanno in comune l’esperienza fatta a Padova e la libertà da sempre difesa e professata dalla sua Università, fondata nel 1222. Un ciclo di dialoghi attraverso i secoli, a tu per tu con donne che non sono sufficientemente famose solo perché il pregiudizio ne ha occultato i meriti: ecco invece riaffiorare la risolutezza di colei che difese il suo pensiero davanti all’Inquisizione, come pure la tenacia della pensatrice che fondò un partito; ed ecco uscire dall’ombra coloro che, nell’Ottocento, lavoravano nelle redazioni e in punta di penna affermavano il proprio credo, e quelle coraggiose che combatterono per la patria e sostennero i soldati in guerra. Camilla Greghetti Erculiani, Anna Kuliscioff, Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, Carmela Baricelli, Gualberta Alaide Beccari e molte altre: donne che hanno lasciato il segno nella Storia e che grazie a questo libro lo lasceranno anche nella memoria dei lettori.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Governo Draghi, c’è la fiducia del Parlamento: è la scelta giusta?

Risultati