Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

A Ca’ Del Poggio si torna a brindare con l’aperitivo social (ma virtuale)

A Ca’ Del Poggio si torna a brindare con l’aperitivo social (ma virtuale)

Il ristorante & resort di San Pietro di Feletto propone due nuovi appuntamenti in diretta Instagram

di Martina Turco

TIVOLI – L’aperitivo ai tempi del Coronavirus? E’ social, ma al tempo stesso virtuale. Da alcune settimane, Ca’ del Poggio Ristorante & Resort propone l’AperiSocial, un ciclo di incontri in diretta Instagram per parlare del territorio, delle sue attrattive, ma anche del difficile momento che stiamo vivendo.

SALOTTO VIRTUALE - Un salotto virtuale, idealmente collocato a San Pietro di Feletto, nel cuore delle colline del Prosecco riconosciute dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, che ogni settimana coinvolge - rigorosamente da casa - due ospiti speciali. La terza settimana di AperiSocial si aprirà domani, mercoledì 1° aprile, alle ore 19, con il direttore di Fondazione Marca Treviso, Alessandro Martini, che parlerà di ospitalità e turismo con particolare riferimento alle conseguenze dell’emergenza Coronavirus.   

SECONDO MOMENTO - Il secondo momento, sabato 4 aprile, sempre alle ore 19, avrà invece come ospite l’allenatore di calcio Gianni De Biasi. A fare idealmente gli onori di casa, Alberto Stocco, titolare di Ca’ del Poggio. Incontri virtuali, riflessioni reali. E sui tavoli, immancabile, una bottiglia di Prosecco, il simbolo di queste terre. 

APERISOCIAL - AperiSocial è aperto a tutti. Chiunque potrà partecipare, facendo domande o lasciando commenti in diretta: sarà sufficiente collegarsi al profilo Instagram @cadelpoggio.it. Hashtag di riferimento, ovviamente, #iostoacasa.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati