Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

A Milano torna il mercato di Natale etico e sostenibile

Fino al 6 gennaio si potranno acquistare prodotti alimentari, articoli natalizi, giochi, libri e tante idee regalo

di Stefania Abbondanza

MILANO – Per il ventiduesimo anno apre a Milano il più grande tendone natalizio d'Europa dedicato al commercio equo e all'economia solidale: tanti prodotti alimentari fair trade, biologici e del territorio; articoli casa, moda e accessori da filiere etiche e sostenibili dall’Italia e dal Mondo. Decorazioni, articoli natalizi, giochi, libri e tante idee regalo.

LA STORIA - Il Banco di Garabombo è infatti organizzato dal 1997 da Chico Mendes scs, Radio Popolare e cooperativa Librerie in Piazza: l’iniziativa - dal 2012 riconosciuta come “Manifestazione tradizionale Milanese” e patrocinata dal Comune di Milano - conta ogni anno oltre 100mila visitatori in uno spazio di 400 metri quadri, oltre 2.000 referenze, proposte e idee regalo originali, etiche e sostenibili, che provengono da tutta Italia e dal Sud del mondo. Nel consueto rispetto dei tre principi cardine del commercio equo e solidale: rapporti diretti coi produttori, pagamento del prezzo equo e condizioni di lavoro giuste, regolari, continuative.

IL BIOLOGICO ITALIANO - Il Banco di Garabombo offre alla città un’occasione per trasformare gli acquisti natalizi in gesti concreti di costruzione di un’economia più giusta e sostenibile per le persone e per l’ambiente. Da due anni, oltre alle eccellenze del commercio equo e solidale, un'intera sezione dedicata al gusto, locale, bio: è la sezione “La Buona Bottega” che trae il nome dall'innovativo negozio dell'adiacente piazzale Baracca, che unisce la somministrazione alla vendita dei prodotti a scaffale.

PROVENIENZA - I prodotti provengono dunque dal circuito fair trade internazionale e da progetti di economia solidale italiana e valorizzano così il lavoro meraviglioso e complesso di realtà imprenditoriali che operano in contesti di emarginazione economica e con finalità sociali. Saranno dunque presenti a Garabombo prodotti da terreni confiscati alle mafie, fatti in carcere; prodotti biologici, di filiera corta, da cooperative sociali italiane e presidi Slow food. Pane, frutta, salumi e formaggi a km zero, pasta, olio e vino anti-mafia, ma anche biscotti, dolci, panettoni, torroni con ingredienti dal Sud del mondo, oltre ai classici caffè, cioccolato e spezie

APERTURA E DATE - Dal 2 novembre al 6 gennaio. Tutti i giorni dalle 9 alle 20.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati