Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Accordo culturale Italia-Qatar, Sbai: "Un regalo all'integralismo religioso"

Accordo culturale Italia-Qatar, Sbai: "Un regalo all'integralismo religioso"

Commenta così Souad Sbai la ratifica avvenuta oggi in Senato dell’accordo di cooperazione tra le due nazioni

ROMA - “Con il Qatar, sì alle relazioni economiche, ma in ambito culturale l’Italia farebbe bene a mantenere le debite distanze da un paese che persegue apertamente l’obiettivo di diffondere il fondamentalismo dei Fratelli Musulmani all’interno del suo stesso territorio”. Commenta così Souad Sbai, Presidente del Centro Alti Studi “Averroè” e dell’Associazione della Donne Marocchine in Italia, la ratifica avvenuta oggi in Senato dell’accordo di cooperazione in materia d’istruzione, università e ricerca scientifica tra Italia e Qatar, grazie ai voti favorevoli di Pd, Cinquestelle, Italia Viva e Leu. L’accordo, tra mille polemiche, era passato al vaglio della Camera dei Deputati lo scorso 25 settembre.

“La sinistra ‒ dichiara Sbai ‒ ha dato prova di tutta la sua incoerenza, legando l’Italia a doppio filo a un regime che viola sistematicamente i diritti umani e le libertà fondamentali di donne, omosessuali e migranti. Come pensa di giustificarsi di fronte al proprio elettorato e a un’opinione pubblica sempre più disorientata dalla vicenda di Silvia Romano? L’apertura dell’Italia al Mediterraneo è una giustificazione senza alcuna credibilità. Piuttosto, è l’Italia ad aver spalancato il Mediterraneo alla penetrazione dell’integralismo religioso, l’unica cultura di cui gli emiri di Doha sono portatori”.

Nei ranghi dell’opposizione, Lega e Forza Italia si sono astenuti, mentre Fratelli d’Italia si è espressa in maniera apertamente contraria all’accordo, con gli interventi della Senatrice Rauti e del Senatore Fazzolari, ai quali Sbai, già parlamentare di centrodestra, rivolge il suo apprezzamento per “la determinazione e la chiarezza morale dimostrata nel tentativo di respingere l’assalto di chi intende minare l’identità, la cultura e la storia dell’Italia e degli italiani”.

Un’ultima riflessione, Sbai la riserva al governo rosso-giallo: “Il premier e il ministro degli esteri hanno assistito compiacenti al completamento dell’iter di approvazione di un provvedimento che il Qatar e i Fratelli Musulmani sfrutteranno per svolgere attività di proselitismo all’interno del sistema scolastico, universitario e della ricerca. È lecito avanzare scenari simili a quelli ipotizzati in merito alla liberazione di Silvia Romano, sulle cui circostanze Conte e Di Maio continuano a negare spiegazioni?”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati