Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Addio a Gino Falleri, Vicepresidente del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio

Era nato nel 1926 a Mercatello sul Metauro (Pesaro-Urbino) e ricopriva la carica di Vicepresidente dal 1964

di Redazione di Cronaca Diretta

ROMA - Nella notte di ieri, a Roma, Gino Falleri, Vicepresidente del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, è morto all’età di 92 anni. Nato l’8 luglio 1926 a Mercatello sul Metauro (Pesaro-Urbino), ricopriva la carica di Vicepresidente dal 1964.

I PRIMI ARTICOLI - Laureato in giurisprudenza, Falleri cominciò a scrivere i suoi primi articoli attorno agli anni Cinquanta. Iscritto all’elenco dei pubblicisti dal 1957, la sua carriera ebbe inizio al Messaggero, per poi continuare con numerose testate.

LA CARRIERA - Nel corso della sua carriera, Falleri è stato un fondamentale promotore del giornalismo e pubblicismo italiano. Cavaliere di Gran Croce della Repubblica, Gino è stato, tra l’altro, anche fondatore e consigliere dell’Eurispes oltre che dell’Eapo con sede a Bruxelles. Presidente del Gus (Gruppo giornalisti uffici stampa), da lui stesso fondato negli anni Ottanta, ha ricoperto anche importanti cariche sindacali nella Fnsi.

PUBBLICISMO ITALIANO - Per oltre 40 anni, Gino è stato una figura carismatica dell’Ordine e del pubblicismo italiano. Nel suo ufficio al secondo piano di piazza della Torretta, riceveva ogni giorno i colleghi più giovani ai quali non faceva mancare consigli e suggerimenti.

LE ESEQUIE - Le esequie si terranno domani, 19 marzo, a Roma alle ore 15 nella Parrocchia di San Mattia, Via Renato Fucini, 285.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni 1 giugno 2020 10:02

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni

Il movimento si auto-dichiara in aperta opposizione al populismo, eppure...

“Tempi duri per i troppo buoni” recitava e recita tuttora un adagio popolare, che sta a sottolineare come la mancanza di malizia o scaltrezza possa lasciare dietro i più puri o,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati