Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Al velodromo Monticelli di Ascoli Piceno i tricolori su pista élite e juniores maschili e femminili

Al velodromo Monticelli di Ascoli Piceno i tricolori su pista élite e juniores maschili e femminili

Sono 16 i titoli di campione d’Italia in palio delle specialità sprint, keirin, chilometro da fermo, 500 metri ed eliminazione

di Silvia de Mari

ASCOLI PICENO - Ascoli Piceno è di nuovo il centro di interesse della pista di alto livello nazionale con lo svolgimento dei Campionati Italiani FCI per le categorie élite/juniores maschili e femminili con la regia del Piceno Cycling Team nelle giornate di martedì 27 e mercoledì 28 ottobre.

I TITOLI - Sono 16 i titoli di campione d’Italia in palio delle specialità sprint, keirin, chilometro da fermo, 500 metri ed eliminazione in una rassegna che sarà probabilmente l’ultimo atto agonistico all’interno del Velodromo di Monticelli con l’auspicio di vedere finalmente alla luce il nuovo impianto di Campolungo alle porte della città ascolana. Una manifestazione che acquisisce ancor più valore tecnico qualche settimana dopo lo svolgimento degli Europei juniores ed under 23 a Fiorenzuola d’Arda con la presenza dei migliori specialisti della disciplina: Silvia Zanardi, Michele Scartezzini, Francesco Lamon, Martina Alzini, Miriam Vece, Martina Fidanza, Rachele Barbieri, Sara Fiorin, Silvia Valsecchi, Carlotta Cipressi, Davide Plebani, Francesco Ceci e Liam Bertazzo, più dal ciclismo su strada l’ex campione italiano juniores 2019 Gianmarco Garofoli, solo per citarne alcuni. A fare gli onori di casa non solo nelle vesti di società organizzatrice anche il Piceno Cycling Team con Cristian Berardi, Dario Zampieri e il talentuoso juniores Daniele Napolitano.

LE NORMATIVE ANTI-COVID - Tenendo d’occhio l’andamento della situazione epidemiologica, la manifestazione si svolgerà rigorosamente nel rispetto delle normative anti Covid-19 come da protocollo emanato dalla Federciclismo e dai decreti governativi con il rilascio e la compliazione dell'autocertificazione, la predisposizione delle tre aree (la bianca, la gialla e la verde), il mantenimento delle distanze interpersonali e l’uso tassativo della mascherina (solo l'atleta la potrà togliere solamente durante l’esecuzione della singola gara) con l’obiettivo di non arrecare criticità e di assicurare un corretto svolgimento della kermesse tricolore che farà calare il sipario sull’anomala stagione agonistica in pista in Italia.

MARTEDI’ 27 OTTOBRE - Ritrovo alle 8:30 presso il velodromo Monticelli in via dei Frassini. Dalle 10,30 alle 17,00 qualificazioni e finali sprint (juniores ed élite), finale eliminazione (uomini élite, uomini e donne juniores), finale scratch (uomini élite) e tutte le premiazioni di giornata.

MERCOLEDI’ 28 OTTOBRE - Ritrovo alle 8:30 presso il velodromo Monticelli in via dei Frassini. Dalle 10,30 alle 15,30 semifinali e finali keirin (tutte le categorie), finale eliminazione (donne élite), finale scratch (donne élite), finale 500 metri (donne juniores ed élite), finale chilometro (uomini juniores ed élite) e tutte le premiazioni di giornata.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati