Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Alpine smart working, lavorare ai piedi del Monte Bianco

Alpine smart working, lavorare ai piedi del Monte Bianco

Lavorare da un antico chalet alpino ai piedi del Monte Bianco è il sogno estivo di molti

di Bianca Franchi

BOLZANO - Andando incontro alla sempre più ampia richiesta di spazi per dedicarsi al lavoro durante il soggiorno di vacanza, l’Auberge de La Maison di Courmayeur, offre a tutti i suoi Ospiti un ufficio privato molto speciale: uno chalet originale di inizio '900 con vista sul Monte Bianco. Cogliendo l’occasione del sempre più diffuso "smart working", gli Ospiti dell'hotel quest’estate potranno lavorare da una location unica al mondo, immersi nella tradizione alpina dello Chalet du Desir, approfittando di questa occasione per dedicarsi qualche giorno in più lontani dalle città.

LO CHALET - Uno chalet delle fiabe, in un angolo di pace, in un luogo in cui anima e corpo possono riconciliarsi con la natura più alta delle Alpi. Dentro c’è tutto il fascino di un rifugio dei desideri ma tutti i confort di un ufficio, compresa una connessione veloce. Si tratta di un vecchio “mazot” che proviene da un alpeggio della Valle in quota, smontato e rimontato nel prato dell'hotel. Tutti i pezzi sono originali, il legno di abete di cui è composto è molto antico ed ogni tavola porta i segni del tempo.

LA FINESTRA - C’è inoltre una piccola finestra da cui si può vedere il Monte Bianco. È un luogo in cui ci si sente protetti e si vive la sensazione di entrare in un tempo antico. La famiglia Garin, proprietaria dell'Auberge de La Maison, è molto legata a questi manufatti perché rappresentano l’autenticità e la semplicità della vita alpina. Quest’estate sarà a disposizione degli Ospiti che desidereranno lavorare ai piedi del Monte Bianco

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati