Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Alto Adige, terra di mele

La passione dei masi frutticoli Gallo Rosso che coltivano questo prezioso alimento

di Valerio Cruciani

BOLZANO – La posizione geografica dell’Alto Adige, con il suo clima tipicamente mediterraneo, è decisamente favorevole alla melicoltura, che beneficia delle primavere piovose e dei periodi estivi e autunnali assolati di questa regione. Al momento del raccolto poi, le notti sono fresche e le giornate temperate: il microclima perfetto per mele di qualità.

LA RACCOLTA - Il periodo della raccolta varia di anno in anno e si stabilisce in base alle temperature, mentre la zona in cui si comincia è sempre quella intorno a Bolzano e alle valli circostanti. Per il 2018 la raccolta è iniziata verso la fine di agosto: dopo mesi di duro lavoro, finalmente i contadini dei masi ricevono dalla terra la loro ricompensa. Le mele, generalmente, vengono vendute alle cooperative della zona, dove vengono smistate in tutto il mondo; è sempre più in crescita però il numero di aziende agricole che cerca di utilizzare canali di vendita diretti come una propria bottega, mercati cittadini o negozi di alimentari, anche per i prodotti derivati dalla mela, come succhi, aceto, mele essiccate e sciroppi.

I MASI - Gallo Rosso, ad esempio, incentiva molto i masi associati nella vendita diretta dei propri prodotti attraverso il pilastro dei “prodotti di qualità” e la creazione di una propria bottega all’interno del maso. Oltre a ciò, Gallo Rosso stimola i contadini a rendere il proprio maso adeguato al servizio di ospitalità, creando agriturismi di alto livello con appartamenti eleganti e confortevoli in una dimensione agreste. In questo modo i contadini possono incrementare l’esiguo reddito che proviene dalla vendita delle mele e di altri prodotti agricoli, attraverso il guadagno proveniente dall’ospitalità.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria 6 luglio 2020 10:01

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria

L’ultima trovata del leader leghista, intento a cercare nuovi consensi e voti, riguarda la delicata questione tra Hong Kong e Cina

ROMA - “LIBERTÀ PER HONG KONG!”, uno slogan di quelli chiari e precisi. Quattro parole per schierarsi apertamente a favore del territorio autonomo posizionato nel Sudest della...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati