Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Anche le cose ora hanno il loro Dna

Anche le cose ora hanno il loro Dna

La tecnica messa a punto nel Politecnico di Zurigo in collaborazione con l'israeliano Erlich Lab

di Stefania Abbondanza

ZURIGO - Il Politecnico di Zurigo in collaborazione con l'israeliano Erlich Lab è arrivato al Dna delle cose: sono oggetti che possono contenere le istruzioni che permettono di riprodurli. Il coordinatore dello studio, Robert Grass, ha detto: «Possiamo integrare le istruzioni di stampa in 3D in un oggetto, in modo che anche dopo decenni o secoli sia possibile recuperarle».

IL COMMENTO - Marinella Levi, fondatrice del primo laboratorio di stampa in 3D del Politecnico di Milano, ha commentato: «E' una bella idea perché usa tecniche già note in modo nuovo. Il Dna - ha aggiunto - può infatti racchiudere un'estrema varietà di informazioni. La tecnica ha però dei limiti perché mancano sistemi diffusi per l'estrazione e lettura del Dna e si può usare solo con plastiche che non raggiungono alte temperature durante la produzione».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati