Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Anche le cose ora hanno il loro Dna

La tecnica messa a punto nel Politecnico di Zurigo in collaborazione con l'israeliano Erlich Lab

di Stefania Abbondanza

ZURIGO - Il Politecnico di Zurigo in collaborazione con l'israeliano Erlich Lab è arrivato al Dna delle cose: sono oggetti che possono contenere le istruzioni che permettono di riprodurli. Il coordinatore dello studio, Robert Grass, ha detto: «Possiamo integrare le istruzioni di stampa in 3D in un oggetto, in modo che anche dopo decenni o secoli sia possibile recuperarle».

IL COMMENTO - Marinella Levi, fondatrice del primo laboratorio di stampa in 3D del Politecnico di Milano, ha commentato: «E' una bella idea perché usa tecniche già note in modo nuovo. Il Dna - ha aggiunto - può infatti racchiudere un'estrema varietà di informazioni. La tecnica ha però dei limiti perché mancano sistemi diffusi per l'estrazione e lettura del Dna e si può usare solo con plastiche che non raggiungono alte temperature durante la produzione».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati