Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Annunciati i dati finali sull'affluenza alle elezioni europee del 2019

La maggiore affluenza alle elezioni europee del 1994

di Giordano D'Angelo

BRUXELLES - L'affluenza ufficiale e finale alle elezioni europee del 2019 è fissata al 50,66% (+ 8,06 pp rispetto al 2014), a seguito della pubblicazione di tutti i 28 dati finali relativi all'affluenza nazionale. Il 18 ottobre 2019, la commissione elettorale del Regno Unito ha pubblicato il numero definitivo di elettori e elettori registrati nel Regno Unito per le elezioni europee 2019. Con questa pubblicazione tutti i 28 Stati membri dell'UE hanno annunciato ufficialmente i loro dati finali sulla partecipazione nazionale, regolando l'affluenza finale ufficiale a livello europeo al 50,66% (+8,06 pp rispetto al 2014).

LE EZIONI EUROPEE - Le elezioni europee del 2019 sono state modellate dal significativo aumento dell'affluenza alle urne. Il 50,66% è in effetti la più alta affluenza alle elezioni europee del 1994 e un notevole aumento di 8,06 punti percentuali dal 2014 (quando l'affluenza alle urne era del 42,60%).

GLI STATI - 20 Stati membri hanno registrato un aumento dell'affluenza nazionale, con aumenti significativi rispetto al 2014 registrati in Polonia, Romania, Spagna, Austria, Ungheria e Germania. Anche i paesi con un'affluenza tradizionale bassa o molto bassa alle elezioni europee, come Slovacchia e Repubblica Ceca, hanno mostrato aumenti sostanziali. D'altro canto, l'affluenza alle urne è diminuita in otto paesi, ma in non più di 3 punti percentuali in nessuno di essi. Nonostante l'aumento medio della partecipazione, permangono notevoli differenze tra gli Stati membri, che vanno dall'88,47% in Belgio al 22,74% in Slovacchia.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid-19: siete preoccupati per una possibile seconda ondata del virus in Italia?

Risultati