Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Apolide Festival, l’appuntamento cult dell’estate piemontese

Apolide Festival, l’appuntamento cult dell’estate piemontese

l festival immerso nei boschi dell’Area Naturalistica Pianezze - Vialfrè

di Claudio Carassiti

TORINO - Un festival unico, immerso in uno scenario naturale tra i più belli del nostro paese, un anfiteatro scavato dal ghiaccio e circondato dalle colline, tra gli alberi del bosco di Vialfrè – Torino. Dal 18 al 21 luglio nelle Valli del Canavese, in Piemonte, torna Apolide festival, organizzato da Associazione Culturale To Locals e, da questa XVI edizione, insieme ad Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour.

I PARTECIPANTI - 72 ore di evasione dalla quotidianità all’insegna della buona musica e tanto altro. Ivreatronic, Tre Allegri Ragazzi Morti , Franco 126, Giorgio Poi, Clap! Clap!, Myss Keta, I Hate My Village e Arturo Brachetti sono solo alcuni degli artisti che si esibiranno sui tre palcoscenici del festival (Main Stage, Soundwood Stage e Boobs Stage), che ospitano un’attenta proposta di live, dj set e incontri con i più interessanti nomi della scena internazionale, nazionale e locale tra rock, pop, indie, elettronica.

DOVE - Tra boschi e spazi erbosi Apolide offre, dal mattino alla sera, anche un ricco programma di workshop creativi, attività sportive e olistiche. L’area market di prodotti artigianali, l’area food & beverage pensata per soddisfare tutte le esigenze, l’area kids dedicata alle famiglie e l’area camping, attrezzata in tre aree con servizi dedicati, rendono Apolide un festival speciale che, per il richiamo della foresta, fa dimenticare per qualche giorno la frenesia della quotidianità, proprio come in vacanza.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati