Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Ares, abbandonato, divenuto poliziotto e ora mascotte del Roma Winner

Il Pastore Tedesco ex-trovatello è stato formato e ha partecipato alla dimostrazione della Polizia di Stato

di Giacomo Zito

ROMA - Prima trovatello “disoccupato”, poi cane-poliziotto ed ora mascotte. Si tratta di Ares, splendido Pastore Tedesco che sabato 23 novembre ha partecipato alle ore 13.00 alla dimostrazione delle Squadre Cinofile della Polizia di Stato tra interventi anti-sommossa, ricerca droga e persone, in occasione della doppia Esposizione Internazionale canina organizzata dal Kennel Club Roma e dal Gruppo Cinofilo Capitolino, con Enci e Fci. Il Roma Winner c si terrà alla Nuova Fiera di Roma sabato 23 e domenica 24 novembre (Ingresso EST, Padiglioni 3 e 4, ore 10.00-19.30 www.romawinner.it).

A MORENA - Nell’estate 2017 un Pastore Tedesco si aggirava per il quartiere romano di Morena quando una signora, intenerita dal suo sguardo, lo ha rifocillato accogliendolo poi nel garage dove ha sistemato per lui un giaciglio. Vani i tentativi della donna di rintracciare il proprietario, nonostante l’aiuto di un veterinario che ha verificato l’assenza del microchip e, non potendolo tenere con sé, si è rivolta alla Polizia di Stato. La Squadra Cinofili della Questura di Roma si è subito attivata per valutare la sua idoneità ai servizi di Polizia. Il Pastore Tedesco, un maschio di circa un anno, ha superato brillantemente le prove alle quale è stato sottoposto, dimostrando di essere mansueto, ma coraggioso e aggressivo all’occorrenza, rispettando gli ordini impartiti, e così è stato arruolato e “battezzato” Ares, nome scelto per lui dagli istruttori. Dopo aver frequentato e superato il corso di formazione di 10 settimane, Ares è diventato un’unità cinofila della Polizia di Stato, nel settore Ordine Pubblico e Anti Terrorismo, subentrando a Giolly, Pastore Tedesco femmina di 10 anni, andata in pensione. Il primo giorno di lavoro del “neo-assunto” lo ha visto protagonista, insieme al suo conduttore, di controlli Antiterrorismo in Via del Corso e stazioni metropolitane.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati