Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Assufficio: «Slitta bando Arcuri, la pezza è peggio del buco»

Assufficio: «Slitta bando Arcuri, la pezza è peggio del buco»

Una nota Assufficio di FederlegnoArredo

di Silvia de Mari

ROMA - In una nota Assufficio di FederlegnoArredo, di legge: «Leggiamo sul sito del ministero dell’Istruzione che il Bando Arcuri per la realizzazione di banchi monoposto e con rotelle è stato rivisto. Dopo qualche secondo di entusiasmo, sperando che quanto da noi detto molto chiaramente in questi giorni avesse portato a una reale riformulazione del bando, siamo costretti a constatare che la pezza è peggio del buco. Ebbene sì con la ratifica il bando, se possibile, viene addirittura peggiorato. Le consegne delle offerte sono prorogate di 5 giorni, ovvero il bando anziché scadere domani 30 luglio scade il 5 agosto. La firma del contratto con l’aggiudicatario o gli aggiudicatari, slittata dal 7 al 12 agosto e i tempi di consegna dal 31 agosto all’8 settembre, con un margine massimo di ritardo nelle consegne che passa dal 7 al 12 settembre, con le relative pesanti penali».

IL COMMENTO - «Verrebbe da dire tanto rumore per nulla: ma davvero il ministro Azzolina e il commissario Arcuri pensano che slittare di 5 giorni possa essere la soluzione? I quantitativi – prosegue Assufficio – non sono certo diminuiti e le ore di una giornata non siamo ancora riusciti a moltiplicarle».

LA GESTIONE - «Non ci resta che prenderne atto e sottolineare come una mala gestione e il ritardo mostruoso nell’indire il bando siano i soli veri responsabili di questo pasticcio di cui però il Governo non vuole assumersi le responsabilità. Noi – continua Assufficio nella nota – siamo imprenditori, lavorare e produrre è nel nostro DNA, soprattutto dopo mesi di lockdown e la crisi che morde: lontano da noi fare qualsiasi polemica, ma i fatti dimostrano che questa è davvero un missione impossibile».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati