Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Autunno, tempo di meditazione

La famiglia Zelger Mahlknecht, appassionata di erbe, invita gli ospiti a scoprire le erbe

di Valerio Cruciani

BOLZANO - Durante il soggiorno all’HOTEL PFÖSL, chef Markus Thurner rivela agli ospiti gli antichi segreti delle erbe durante il corso di cucina, mentre le esperte di erbe Brigitte Zelger e Bernadette Müller accompagnano gli ospiti nella natura per toccare con mano ciò che si assapora poi con il palato. Questo il binomio che caratterizza la proposta del PFÖSL.

IL PROGRAMMA - Ogni martedì è in programma il corso di cucina con erbe selvatiche, tenuto appunto dallo chef Markus Thurner, a cui segue - ogni mercoledì -  un aperitivo alle erbe con informazioni e consigli sull’utilizzo delle essenze selvatiche, con Bernadette Müller. Segue ogni giovedì visita del giardino di erbe del Pfösl e corso di panificazione con Eva e Brigitte Zelger, per imparare a fare il pane, al termine del quale gli ospiti sgranocchieranno lo squisito pane fresco appena cotto nel forno. Un vero e proprio ritorno alle origini. Infine ogni venerdì escursione fra prati e boschi con Bernadette Müller per conoscere le erbe, escursione al termine della quale si svolgono i workshop.

L’HOTEL - Il perimetro del Pfösl è costituito da un autentico percorso aromatico che permette di assaporare le piante con l’olfatto e con il gusto, proprio lì direttamente dove crescono. Nel grandissimo giardino che circonda l’hotel ci sono inoltre molte aiuole didattiche che mostrano le erbe alpine (e non solo) dal vivo. Si possono toccare e annusare. Un tributo alle erbe dato dalla famiglia Zelger–Mahlknecht del Pfösl, che ha una grandissima passione per questa fondamentale componente della natura.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati