Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Babymoon 2.0 tra le vette della Val di Fleres

Babymoon 2.0 tra le vette della Val di Fleres

L’ultima fuga a due prima del lieto evento? Si fa al Feuerstein Nature Family Resort, in Alto Adige,

di Giacomo Zito

BOLZANO – Nei paesi anglosassoni la chiamano babymoon, ed è una delle tendenze di viaggio in grande ascesa degli ultimi anni. Da noi si traduce in una vacanza speciale (da sole o in coppia) da programmare prima dell’arrivo del bambino: una piccola fuga per godersi la gravidanza, staccare la spina, concedersi un momento romantico a due e prepararsi al lieto evento. Il Feuerstein Nature Family Resort - in Val di Fleres, a pochi chilometri da Vipiteno e dal Passo del Brennero, in un’area senza traffico ma raggiungibile in auto - aggiunge alla classica babymoon tutta la forza rivitalizzante di una natura incontaminata, dell’aria pura d’alta quota (siamo a circa 1.250 metri di altitudine) e il suo know-how in fatto di wellness e famiglie. Nasce così il nuovissimo pacchetto Babymoon 2.0 (soggiorno minimo 3 notti, a partire da 554 € a persona, con pensione ¾) che include anche lo speciale massaggio “Nuova Vita”, effettuato da un terapista esperto e finalizzato allo scioglimento delle tensioni, alla riduzione dello stress e al ripristino della pace interiore. Inoltre l’offerta comprende l’accesso alla Mountain SPA (3000 mq): niente di meglio per una vacanza a due, grazie alla presenza di zone “adults only” come lo scenografico idromassaggio a cielo aperto, che unisce il tepore delle acque all’aria tersa delle vette alpine, e poi ancora il bagno turco, la sauna al cembro e la sauna alpina finlandese (90 °C) con vista esterna.

LO YOGA - Senza dimenticare lo splendido Yoga Loft panoramico, che si apre, grazie all’ampia vetrata, nella pace dello scenario circostante. Inclusa nel pacchetto anche la pensione 3/4, altro fiore all’occhiello del Feuerstein: dal buffet della colazione al bistrot perfetto per il pranzo, fino al menù ricercato della cena, la chef altoatesina Tina Marcelli propone una cucina che fa tesoro dei prodotti del territorio, utilizzati sempre con rispetto delle stagioni e tanta creatività. Le diverse sale del ristorante completano l’opera: intime, curate, accoglienti, perfette per godersi cene sontuose e, volendo, anche un pizzico romantiche. Per le coppie che invece vogliono concedersi un’esperienza da gran gourmet, c’è il nuovo ristorante Artifex (aperto nel 2019): solo 16 posti a sedere per un’esperienza eno-gastronomica d’eccellenza, affidata alle mani della chef Marcelli e dell’head sommelier Eros Teboni, originario di Colle Isarco, premiato nel 2018 come miglior sommelier del mondo secondo la FIS, Worldwide Sommelier Association, associazione mondiale che raccoglie le più prestigiose realtà del settore.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati