Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Biathlon e sci di fondo ad Anterselva

Biathlon e sci di fondo ad Anterselva

Al Falkensteiner Hotel & Spa Anterselva si impara la tecnica del biathlon

di Valerio Cruciani

ANTERSELVA (BO) - Anterselva, in Alto Adige, è la località più celebre per il biathlon, ovvero lo sport che unisce lo sci di fondo con il tiro a segno con la carabina. Forza e precisione, resistenza e concentrazione sono le accoppiate di questa disciplina che sta prendendo sempre più piede su tutto il territorio alpino. I campioni del mondo di Biathlon, gli alto atesini Dominik Windisch e Dorothea Wierer sono nati proprio a Anterselva e si sono formati sulle piste di quella che ormai è riconosciuta come la capitale alpina del biathlon: Anterselva. Se fino a qualche anno fa il biathlon era ancora poco popolare in Italia, l’interesse verso questa disciplina sportiva sta crescendo costantemente: nel 2026 Anterselva ospiterà gli atleti per i Giochi Olimpici Invernali e anche quest’anno, le gare per la rinomata Coppa del Mondo Biathlon si terranno ad Anterselva dal 12 al 23 febbraio.

BIATHLON - In poche parole, lo scopo del biathlon è percorrere nel minor tempo possibile un percorso con gli sci da fondo, fermandosi a un numero variabile di postazioni di tiro e sparare con la carabina; ogni errore con la carabina comporta una penalità.

UN MONDO DI NATURA - Una vacanza invernale ad Anterselva significa immergersi in un mondo di natura: le chilometriche piste di fondo sono disegnate in armonia con il paesaggio, snodandosi tra boschi, valli e pascoli completamente imbiancati. A ritmo di sci, si percorrono luoghi circondati dal silenzio: un’atmosfera ovattata che regala calma e tranquillità. Il luogo ideale per provare il biathlon sulle piste dei campioni.

CARABINA - Nel centro biathlon si può provare l’emozione di tirare a segno con la carabina, imparando a concentrarsi, soprattutto quando il cuore batte forte per aver già percorso qualche chilometro con gli sci da fondo. Il respiro diventa importante, aiuta a calmarsi, a svuotare la mente, a guardare il bersaglio e tirare con precisione e determinazione. La padronanza del corpo è il segreto per non sbagliare. E dopo aver tirato: veloci a riprendere la pista di sci per arrivare al tiro al bersaglio successivo.

FALKENSTEINER HOTEL - Il Falkensteiner Hotel & Spa Anterselva, a due passi dal centro biathlon, organizza lezioni sia private sia di gruppo per provare questo sport. E per i principianti dello sci di fondo, con l’Holidaypass Premium che viene dato a ciascuno ospite del Falkensteiner Hotel & Spa Anterselva, la prima lezione è gratuita. Il pass per lo sci di fondo è comodamente disponibile in hotel: non resta allora che scoprire i 62 chilometri di piste da fondo di Anterselva, di vari gradi di difficoltà.

LO SCENARIO - Tutte però immerse in uno scenario da fiaba, nella natura alpina di questa piccola località alto atesina, che si è mantenuta autentica e a misura d’uomo. Tra le altre attività che fanno letteralmente innamorare gli ospiti di questo luogo (che si trova fuori dai soliti circuiti più popolari e quindi anche più affollati), ci sono l’escursione con le lanterne, organizzata anch’essa dall'Associazione turistica e le idilliache gite in slitta trainata da cavalli: una volta alla settimana a Oberrasen e una volta alla settimana nella Valle di Anterselva. Sia l’escursione con le lanterne, sia le gite in carrozza sono gratuite, così come gratuito è l’uso di tutti i mezzi pubblici.

BENESSERE - Nella spa del Falkensteiner Hotel & Spa Anterselva, con piscina esterna e interna e diverse saune, ci si può rilassare e provare uno dei tanti trattamenti proposti dallo staff dell’area benessere. A tavola, lo chef vizia gli ospiti con piatti della tradizione, rivisitati in chiave contemporanea.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati