Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Bilancio UE a lungo termine

I deputati definiscono le priorità di finanziamento dopo il bilancio 2020

di Giulio Calenne

BRUXELLES - In una votazione di lunedì, gli eurodeputati della commissione Bilancio hanno confermato la loro posizione negoziale sul prossimo bilancio a lungo termine dell'UE, compresa una ripartizione degli importi previsti per ciascun programma dell'UE. I membri della commissione per i bilanci sottolineano "l'unità e la prontezza" del Parlamento per i prossimi negoziati del quadro finanziario pluriennale post-2020 (QFP) con i ministri dell'UE e si rammaricano che gli Stati membri non abbiano compiuto "progressi significativi" nella ricerca di una posizione comune.

UN PUNTO DI PARTENZA - Ritengono che la proposta del QFP presentata dalla Commissione europea sia un punto di partenza, ma il livello proposto «non consentirà all'UE di rispettare i propri impegni politici e di rispondere alle importanti sfide future». Per quanto riguarda la riforma delle fonti di entrate dell'UE ("risorse proprie"), i deputati sottolineano che l'attuale sistema è "altamente complesso, ingiusto e non trasparente e totalmente incomprensibile per i cittadini dell'UE". Un nuovo sistema più semplice dovrebbe comportare una riduzione sostanziale dei contributi diretti lordi nazionali basati sui redditi degli Stati membri e garantire un finanziamento adeguato delle spese dell'UE nell'ambito del nuovo QFP.

INTRODUZIONE DI NUOVE RISORSE - I deputati chiedono l'introduzione di nuove risorse proprie, come una basata su un nuovo regime di tassazione delle società (compresa la tassazione delle grandi imprese nel settore digitale), sui proventi del sistema di scambio delle emissioni e di una tassa sulla plastica.

ENTRATE E SPESE - Sottolineano che le entrate e le spese dovrebbero essere trattate come un unico pacchetto; pertanto, tutti gli elementi del pacchetto QFP / risorse proprie, e in particolare i dati del QFP, dovrebbero rimanere sul tavolo negoziale fino a quando non sarà raggiunto un accordo definitivo.

PROSSIMI PASSI - Una volta confermata questa posizione in plenaria (votazione il 14 novembre), il Parlamento è pronto a negoziare e i colloqui possono iniziare non appena il Consiglio avrà raggiunto un accordo su una posizione comune. L'adozione di un nuovo regolamento QFP richiede il consenso del Parlamento.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati