Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Brexit: ecco come cambierà l’Europarlamento

Brexit: ecco come cambierà l’Europarlamento

L’uscita dei parlamentari del Regno Unito comporterà un sorpasso dei sovranisti sui Verdi

di Stefania Abbondanza

BRUXELLES - Con Brexit i sovranisti sorpasseranno i Verdi a Strasburgo. L’uscita dei parlamentari del Regno Unito, infatti, ridisegnerà le alleanze dell’Europarlamento, cambiando anche gli equilibri tra le diverse forze politiche. 

I NUMERI - A fine mese, quindi, con l’attuazione di Brexit, usciranno dall’Eurocamera 73 deputati del Regno Unito. Il Parlamento Europeo, così, passerà dagli attuali 751 seggi a soli 705. Di questi, 46 rimarranno congelati affinché possano essere assegnati in futuro ai nuovi Paesi che entreranno nell’Unione. I restanti 27 seggi, invece, verranno redistribuiti tra i Paesi membri. 

I SUBENTRATI - L’Italia, in particolare, “guadagna” tre nuovi eurodeputati: Vincenzo Sofo (Lega), primo dei non eletti nella circoscrizione al sud, Sergio Berlato di Fratelli d'Italia, nella circoscrizione nord-est e Salvatore De Meo per Forza Italia nella circoscrizione Centro. Nella conta dei numeri, con questi nuovi subentri, la Lega potrà vantare lo stesso numero di eurodeputati, 29, del partito di Angela Merkel.

IL SORPASSO - La perdita maggiore sarà quella dei Verdi, che vedranno partire 11 dei loro deputati. Chissà se questa perdita non permetterà di riaprire il dialogo tra Verdi e M5S per l’entrata del partito italiano tra le fila del gruppo ambientalista. Secondo i numeri attuali, intanto, i partiti dei sovranisti superano di misura quello dei Verdi, diventando una forza preponderante della Camera. I primi due posti, invece, rimangono invariati: Socialisti e democratici (S&D) rimarranno la seconda forza dopo il Partito Popolare europeo.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati