Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Brexit: l'accordo di recesso supera il primo test del Parlamento europeo

Brexit: l'accordo di recesso supera il primo test del Parlamento europeo

La commissione affari costituzionali ha formulato una raccomandazione positiva per l'accordo

di Giordano D'Angelo

BRUXELLES - La commissione per gli affari costituzionali ha concordato giovedì di raccomandare alla plenaria del PE di approvare le condizioni di ritiro del Regno Unito. Dopo che la ratifica parlamentare nel Regno Unito è stata conclusa oggi, con il Royal Assent concesso per il disegno di legge dell'Unione europea (accordo di recesso), i deputati della commissione per gli affari costituzionali hanno votato a favore di una raccomandazione positiva relativa all'accordo di recesso UE-Regno Unito, con 23 voti per tre contro e nessuna astensione.

LA VOTAZIONE - La votazione ha avuto luogo dopo una dichiarazione del presidente della commissione Antonio Tajani (PPE, IT) e una discussione tra il coordinatore della Brexit del Parlamento, Guy Verhofstadt (Renew Europe, BE) e i coordinatori dei gruppi politici.

IL DIBATTITO - Il dibattito in seno alla commissione si è incentrato sul contributo del Parlamento alla protezione dei diritti dei cittadini nel contesto della Brexit (con la maggior parte degli oratori durante il primo turno che ha elogiato la squadra negoziale dell'UE), nonché sulle misure che dovrebbero essere adottate dal Regno Unito e dall'UE27 i governi a continuare a proteggere questi diritti durante il periodo di transizione e oltre. La discussione ha anche affrontato l'impatto complessivo della Brexit e le future relazioni tra l'UE e il Regno Unito, che sarà l'obiettivo dei futuri negoziati.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati