Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Buia (Ance) su appalti: «Semplificare ma contrari a deregulation»

Buia (Ance) su appalti: «Semplificare ma contrari a deregulation»

Il commento di Gabriele Buia, presidente dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili)

di Giordano D'Angelo

ROMA - Gabriele Buia, presidente dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili), che attende il varo del decreto Semplificazioni, ha detto: «Semplificare sì, snellire sì, ma noi la deregulation non la vogliamo. Si continua a pensare – spiega Buia all’ITALPRESS – che il problema per le infrastrutture siano le procedure di gara ma non è assolutamente così, e non siamo noi che lo diciamo. Lo ha detto l’Anac, e i dati stessi della presidenza del Consiglio: chi impedisce il rapido svolgimento e l’utilizzo delle risorse pubbliche sono tutte le procedure a monte, non sono i tempi di gara».

IL COMMENTO - «Ci sono tutte le sedimentazioni normative, l’obbligo di pareri, i tempi lunghi per le valutazioni di impatto ambientale, la Conferenza dei servizi, i pareri dei ministeri interessati – sottolinea – che fanno sì che i progetti abbiano dei ritardi altissimi». Con questo decreto «riusciamo a parlare di semplificazioni ed era doveroso. Perché in Italia ci occupiamo dei problemi seri solo quando succede un disastro, come Genova, o una calamità, come il terremoto, e poi quando abbiamo una situazione economica difficilissima come adesso ci accorgiamo che ci sono 200 miliardi non spesi. Credo che questa sia la volta buona per risolvere certi problemi, anche se dai primi testi mi sembra che manchi un’attenzione particolare a tutto quello che è sopra gara per le opere pubbliche, e un chiaro indirizzo di come vogliamo rigenerare i tessuti urbani».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati