Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

C’è un gene che ripara il sorriso

C’è un gene che ripara il sorriso

Lo studio internazionale coordinato dall'università britannica di Plymouth.

di Martina Turco

PLYMOUTH - Uno studio internazionale, coordinato dall'università britannica di Plymouth, ha trovato il il gene 'dentista' che ripara il sorriso: si chiama Dlk1 e agisce stimolando una particolare popolazione di cellule staminali responsabile della produzione della dentina.

IL COMMENTO - Il coordinatore dello studio, Bing Hu, ha commentato: «Le cellule staminali sono molto importanti, perché in futuro potrebbero essere usate in laboratorio per rigenerare tessuti danneggiati o persi a causa di malattie, quindi è cruciale capire come funzionano. Scoprendo le nuove staminali che producono il corpo del dente e comprendendo il loro uso vitale di Dlk1 nella rigenerazione del tessuto, abbiamo fatto un importante passo avanti per capire la rigenerazione delle staminali. In questa fase il lavoro è stato condotto su modelli di laboratorio e serviranno ulteriori studi prima di poterlo trasferire sull'uomo, tuttavia - precisa l'esperto - si tratta di un'importante svolta per la medicina rigenerativa, che potrà avere un grande impatto sui pazienti in futuro».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati