Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Calcio, Serie A: gli stadi con 5.000 presenze creano disparità

Calcio, Serie A: gli stadi con 5.000 presenze creano disparità

La 22ª e la 23ª giornata di campionato si disputeranno con ingressi contingentati

di Matteo Spinelli

ROMA – Si completerà stasera il turno della 22ª giornata di Serie A Tim 2021/2022. Bologna-Napoli, Milan-Spezia (entrambe alle ore 18:30) e Fiorentina-Genoa (con calcio d’inizio alle ore 20:45) andranno a chiudere il primo turno con spettatori contingentanti allo stadio del 2022.

Nei weekend dal 15 al 17 gennaio e dal 21 al 23 gennaio, infatti, sarà consentita la presenza di 5.000 spettatori negli stadi, come deciso dalla Lega Calcio di Serie A nella riunione straordinaria tenutasi l’8 gennaio 2022. Decisione presa per far fronte – su pressione del Governo Draghi – all’aumento dei contagi da Covid-19 in Italia.

Nelle partite che si sono tenute nel weekend appena concluso si è quindi tornati a respirare, almeno in parte, l’atmosfera triste e malinconica degli stadi (semi)vuoti. Il pensiero non può che andare al campionato passato, dove le squadre scendevano in campo con gli spalti totalmente spogli di colore, tifo e calore. La situazione rimarrà così anche nel prossimo turno di campionato, ovvero la 23ª giornata di Serie A in programma dal 21 al 23 gennaio. Ci sarà poi modo di riaggiornarsi successivamente sulla faccenda, per prendere nuovi provvedimenti da attuare dopo la sosta di fine gennaio.

Ma oltre all’aspetto legato alla tristezza di uno stadio vuoto, le ripercussioni – seppur minime, per ora – si avranno in più campi, soprattutto quello degli introiti per le società. Il provvedimento attuato, infatti, va a colpire i bilanci delle squadre, già ampiamente frastornate dal Covid nell’anno passato. In più, la scelta di stabilire l’ingresso di un numero fisso (5.000) di tifosi, appare quanto mai discriminatoria.

Gli stadi della nostra Serie A, infatti, variano tra di loro per la capienza massima. Si può passare infatti dagli oltre 50.000 (in tempi normali) di San Siro, Olimpico e Diego Armando Maradona, fino ad arrivare ai poco più di 10.000 del Pier Luigi Penzo o dell’Alberto Picco.

Tali numeri, come sappiamo, erano stati già dimezzati da inizio stagione, con la capienza ridotta al 50%. Ora si è arrivati, almeno momentaneamente, a 5.000 posti. Prendendo in analisi i quattro stadi più piccoli della nostra Serie A (Pier Luigi Penzo di Venezia, Carlo Castellani di Empoli, Unipol Domus di Cagliari e Alberto Picco di La Spezia) si potrà notare come la capienza imposta dalla Lega Calcio non sia altro che lo stesso numero (o giù di lì) già raggiunto dagli impianti in questione con ingresso dei tifosi al 50%.

 

GLI STADI PIU’ PICCOLI DELLA SERIE A

  • Stadio Pier Luigi Penzo di Venezia: 11.150 posti (5.575 al 50%)
  • Stadio Alberto Picco di La Spezia: 11.512 posti (5.756 al 50%)
  • Stadio Carlo Castellani di Empoli: 16.284 posti (8.142 al 50%)
  • Stadio Unipol Domus di Cagliari: 16.416 posti (8.208 al 50%)

 

Le società più colpite, quindi, saranno quelle che disputano le proprie partite interni in stadi con capienza massima – basti pensare a Milan ed Inter (San Siro), Roma e Lazio (Olimpico), Napoli (Diego Armando Maradona) o Juventus (Allianz Stadium) – che si sono viste anche costrette, in alcuni casi, a dover respingere ai tornelli tifosi che avevano sottoscritto degli abbonamenti. Un provvedimento che avrebbe calcolato la capienza massima con una percentuale uguale per tutti (al di sotto del 50%, ovviamente), forse avrebbe reso più giustizia all’equità tanto ricercata nel mondo sportivo.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo