Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Cannabis light, a rischio un mercato da 150 milioni di euro

La sentenza della Cassazione mette a rischio migliaia di posti di lavoro

di Federico Marconi

MILANO - Giovedì 30 maggio scorso la Suprema Corte di Cassazione ha attirato l’attenzione dei media e del pubblico per le sue decisioni sulla illegalità della vendita di cannabis con “effetto drogante”. La poca chiarezza della sentenza sta infatti mettendo a rischio un giro d’affari da 150 milioni di euro l'anno e la sopravvivenza di numerose società e startup del settore, nate negli ultimi anni.

LE IMPRESE - Le imprese della cannabis light ad oggi hanno tolto milioni di euro dal mercato nero. Pur non essendo una droga, infatti, questi prodotti presentano un alto livello di CBD, Cannabinoide proveniente dalla canapa che non ha effetti “stupefacenti” ed è ampiamente utilizzato, all’estero, per i suoi benefici sulla salute e le sue capacità di apportare relax, con bassissimi livelli di THC, psicotropo che provoca lo “sballo”.

LA SENTENZA - «Il vero problema è il limbo formatosi con la sentenza. Non è chiaro infatti se l’effetto drogante sia da intendere come THC nullo oppure, come da tossicologia forense lo 0,5%» dichiara Francesco Albano, Ceo di Cannabeasy.it, una realtà che opera nel settore della vendita e della consegna a domicilio di Cannabis sativa 100% legale, con consegne in tutta Milano.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati