Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Cannabis, Malawi chiede a Mike Tyson di diventare ambasciatore delle coltivazioni nel Paese

Cannabis, Malawi chiede a Mike Tyson di diventare ambasciatore delle coltivazioni nel Paese

Polemica nel Paese per la scelta dell'ex pugile a seguito delle sue condanne per stupro

ROMA - Un testimonial d'eccezione quello che il Malawi ha contattato per diventare ufficialmente l'ambasciatore delle coltivazioni di cannabis nel Paese. Si tratta di Mike Tyson, ex pugile ora imprenditore che ha investito in una fattoria di marijuana negli Stati Uniti. La mossa è stata intrapresa dall'attuale ministro dell'Agricoltura del Malawi Lobin Low, che dopo aver promosso la legalizzazione della cannabis per uso medico sta cercando di avvicinare nuovi investitori dall'estero.

LA CRITICA - Una mossa che ha sicuramente ottenuto un'ampia attenzione mediatica ma che non ha di certo fermato le critiche, specialmente in merito al passato legale dell'ex campione mondiale di pesi massimi. Nel 1992, infatti, Tyson venne condannato per stupro e passò tre anni in carcere. Per questo, il gruppo malawiano della società civile Centro per la pubblica responsabilità "non riesce a comprendere perché il Malawi vorrebbe avere uno stupratore condannato come ambasciatore del marchio, soprattutto in questo momento, quando gli sforzi per frenare la violenza contro le donne fanno parte dell'agenda del governo".

GLI ACCORDI - Secondo quanto affermato dal ministro Low, intanto, gli accordi sarebbero a buon punto. "Tyson lavorerà con noi" ha affermato Low, mentre sarebbero in via di definizione gli accordi per una visita dell'ex pugile nel Paese.

LA LEGALIZZAZIONE - In Malawi la cannabis è legale, per uso medico, dallo scorso anno. E' possibile coltivarla e lavorarla e da parte del ministro Low c'è sempre stata una forte spinta diretta agli agricoltori affinché superassero le remore e cominciassero a coltivarla.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo