Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Carceri, Souad Sbai: "Altra follia di Bonafede: affidare ai fondamentalisti corsi contro la radicalizzazione"

Carceri, Souad Sbai: "Altra follia di Bonafede: affidare ai fondamentalisti corsi contro la radicalizzazione"

"Qui, invece di andare avanti, pensiamo ad andare indietro" spiega il presidente dell’Associazione delle Donne Marocchine in Italia-ACMID

di Federico Marconi

ROMA - "Viene il dubbio che al Ministero della Giustizia non si abbia troppa contezza delle scelte fatte". Con queste parole Souad Sbai, presidente dell’Associazione delle Donne Marocchine in Italia-ACMID e già parlamentare della Repubblica, commenta la scelta del Ministro Bonafede di affidare all'UCOII (Unione delle comunità islamiche d'Italia), da sempre vicina a gruppi fondamentalisti, la responsabilità di organizzare corsi per imam finalizzati a dare assistenza spirituale in carcere ai detenuti di origine islamica.

I CORSI - "I corsi - spiega Sbai - sarebbero diretti a combattere la radicalizzazione, favorita dalla presenza nelle carceri di numerosi estremisti. Eppure, il Governo ha deciso di affidare tali corsi proprio a chi, nei mesi scorsi, si è pronunciato contro il cristianesimo ed ha un legame storico con i Fratelli Musulmani, realtà fondamentalista operante anche in Europa. Una scelta che fa gridare per ovvie ragioni alla follia".

I PROGETTI DI DE-RADICALIZZAZIONE - "Qui, invece di andare avanti, pensiamo ad andare indietro. Il Governo non ha neppure valutato i progetti realizzati di de-radicalizzazione avviati da altri Paesi europei. Non abbiamo bisogno di imam nelle moschee, ma di gente aperta al dialogo che rispetti i principi della Repubblica - ha concluso -. Né questo Governo, né il precedente parlano mai di integrazione. Le persone entrano in carcere come delinquenti ed escono radicalizzati. Speriamo che Bonafede sia in buona fede e pronto a rivalutare questa situazione. L'appello è a tutti i partiti, indipendentemente dall’appartenenza: bisogna fermare questa politica che mette a repentaglio sicurezza, coesione sociale e i rapporti con le comunità musulmane presenti in Italia".

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Vaccino anti-Covid: ti immunizzerai quando il vaccino sarà disponibile per tutti?

Risultati