Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Carl Una ballata al Teatro Vittoria di Roma

La storia di un uomo comune, semplice, un uomo come tutti noi

di Federico Marconi

ROMA - Carl Una ballata, nasce da un gruppo di giovani attori diplomati all’Accademia Nazionale D’Arte drammatica Silvio D’Amico di Roma: Giulia Bartolini, Luca Carbone, Francesco Cotroneo e Giulia Trippetta. Cresce sviluppandosi come una vera e propria favola moderna, che in poco più di un’ora vuole raccontare una storia di vita, attraversare e stimolare la fantasia di ognuno per renderci protagonisti di un mondo pieno di meraviglia e allo stesso tempo, privo di certezze.

CARL - Carl è un ex professore universitario, scrittore fallito, che vive con la moglie in una piccola casa fuori dalla città. I due hanno pochi amici, escono raramente, ma una sera, mentre si stanno preparando per andare a teatro, ricevono la chiamata di uno sconosciuto.  Questi afferma di avere le chiavi: sta arrivando, si scusa per il ritardo. Da questo momento Carl sarà costretto a scoprire, a ricordare, ad accettare, a guardare ciò che non ha mai voluto vedere, pur di scoprire e soprattutto capire la verità. 

UOMO SEMPLICE - “CARL” è la storia di un uomo comune, semplice, un uomo come tutti noi.  Lo spettacolo è la favola che racconta le sue scelte, la sua mediocrità e i suoi talenti, attraverso quella che appare come un’immagine romanzata della vita, fatta di incidenti portati dal caso, senza colpe, senza alternative, in un mondo lontano dalla realtà dove tutto vale. Intrappolato in un gioco a tre e costretto a narrarci la sua storia, sarà lo stesso Carl a portarci verso la fine, verso la verità, verso l’ultima domanda.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati