Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

"Ci avete rotto i polmoni", tornano a Genova i Friday for Future

"Ci avete rotto i polmoni", tornano a Genova i Friday for Future

In piazza anche messaggi per la pace e contro spese "inutili" del comune

GENOVA - "La fine di Gaia non arriverà, la gente si sbaglia, in fondo che ne sa". Risuona Caparezza e il corteo di Fridays for future Genova avanza, da Principe verso piazza De Ferrari. La folla oceanica dei primi scioperi globali per il clima è un lontano ricordo, ma i trecento giovani sono comunque rumorosi, determinati e colorati anche oggi.

GIUSTIZIA CLIMATICA E PACE TRA I POPOLI - Tanti cartelli, in italiano e in inglese, che inneggiano alla giustizia climatica, ma che non dimenticano la guerra in Ucraina, tra bandiere e mascherine arcobaleno. "Pace, giustizia, climatica e diritti umani hanno un legame indissolubile- spiega Alice Maia, portavoce del movimento genovese- con le bollette troppo alte finanziamo le bombe che cadono su Mariupol e i carri armati che avanzano su Kiev. Ogni giorno l'Ue immette nelle banche russe 700 milioni di euro". Dal piano internazionale a quello nazionale. "Quando chiediamo la transizione ecologica, a cui hanno dedicato un ministero, ci dicono che costa troppo. Ma i soldi ci sono, solo che vengono spesi male".

IL MESSAGGIO AL SINDACO - Ecco, dunque, anche la dimensione locale: "Caro sindaco Bucci, era proprio necessario spendere 200.000 euro per i pennoni con la bandiera di Genova?". E contro il primo cittadino, i giovani si scagliano anche a pochi passi dalla sede del Comune: "Non ci fanno passare lì sotto, dobbiamo fare un giro più tranquillo". Allora, il volume della protesta si alza: "Il sindaco deve sentirci dai suoi uffici. Giustizia climatica, ora. Ci avete rotto i...polmoni". Tra un passo e l'altro, tanta musica, qualche coro e un po' di interventi. In piazza anche qualche adulto, autobattezzato "Parents for future Genova", qualche politico come il vicepresidente del consiglio regionale, Armando Sanna (Pd), e il capogruppo di Linea condivisa, Gianni Pastorino, e a chiudere il corteo la Cgil.

 

FONTE e FOTO: Agenzia Dire

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo