Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Cina: a Shanghai riaprono parchi, musei e luoghi di intrattenimento

Cina: a Shanghai riaprono parchi, musei e luoghi di intrattenimento

Sarà una riapertura ordinata e il governo ha chiesto la collaborazione di tutti

di Giacomo Zito

ROMA - Shanghai torna a vivere. Il governo cinese ha ordinato la riapertura, ordinata, di parchi, musei e luoghi di intrattenimento. I cittadini della megalopoli, così, potranno tornare nei 352 parchi di cui è prevista la città, fino ad ora chiusi a causa dell'emergenza per la pandemia da Covid-19. Alcuni erano già stati aperti sabato, nel corso di questa settimana si tenterà di aprirli tutti, sempre che si rispettino le norme imposte per non rischiare una nuova epidemia. 

LE NORME - Tra le regole del governo per poter usufruire dei parchi, si è imposto di prenotare online la propria visita, anticipatamente. Una volta al parco, i visitatori dovranno indossare una mascherina e permette che venga misurata la temperatura corporea, oltre a dover mostrare un codice QR che si collega al sistema sanitario per conoscere lo stato di salute della persona.

MUSEI E LUOGHI DI INTRATTENIMENTO - Oltre ai parchi, già da sabato avevano riaperto un totale di 38 musei e gallerie d'arte, 22 biblioteche e centri culturali, insieme ad altri luoghi di intrattenimento. Anche per questi luoghi sono state imposte delle norme per la riapertura, che richiedono degli aggiustamenti a seconda delle disponibilità. La capacità di ricezione giornaliera di musei e gallerie d'arte, ad esempio, non dovrà superare la metà della capacità giornaliera abituaria. Si dovranno utilizzare audioguide in linea e le bilbioteche e i centri culturali dovranno comunque chiedere di organizzarsi in piccoli gruppi e rimanendo comunque distanziati. Oltretutto, ogni luogo dovrà disinfettare ogni articolo di uso pubblico, come ombrelli, stampelle o sedie a rotelle.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati