Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Con Gallo Rosso la vacanza è salutare

Con Gallo Rosso la vacanza è salutare

Punto di vista della salute e dello “stare bene”, fisicamente e psicologicamente

di Matteo Bertoncini

BOLZANO – Trascorrere un soggiorno in un maso in Alto Adige in ogni stagione è una scelta che ripaga anche dal punto di vista della salute e dello “stare bene”, fisicamente e psicologicamente. I benefici di una vacanza in un maso Gallo Rosso sono provati e tengono lontani quei fastidiosi disturbi di salute dovuti a diversi fattori. 

IL RIPOSO - I bellissimi appartamenti dei masi Gallo Rosso, arredati in legno in stile sobrio ed essenziale e allo stesso tempo elegante, dotati inoltre di ogni comfort, invitano gli ospiti a rilassarsi, ad abbandonarsi serenamente perché si sentono come a casa. La natura poi è subito dietro la porta, basta varcare la soglia e prati, boschi, torrenti e montagne sono lì a disposizione. Coccolati dalle premure e dal calore della famiglia contadina, gli ospiti recuperano le energie dedicandosi ad attività insolite come mungere le mucche, fare il pane, preparare il burro, raccogliere il fieno, o dare da mangiare agli animali nella stalla.  

IL RESPIRO - Soprattutto per i bambini, entrare in contatto con il fieno e gli animali allontana l’insorgenza di molte forme di allergia e di asma. Saltare nel fieno, coccolare un vitello e raccogliere le uova nel pollaio quindi sono ottimi esercizi per la salute. Tuttavia, anche per chi già soffre di allergia l’aria del maso, soprattutto se in alta quota, può risultare salutare per la minore concentrazione di polline e così le vie respiratorie possono rigenerarsi con l’aria fresca e pura della montagna.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati