Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Concluso il 30_____70 Doc Fest: ecco i vincitori

Concluso il 30_____70 Doc Fest: ecco i vincitori

“Vittorio Veneto vi vuole bene”: le parole del sindaco di Vittorio Veneto sono la sintesi perfetta di questa edizione

di Stefania Abbondanza

VITTORIO VENETO - Si è conclusa, con il digital-brindisi di rito, la prima edizione del festival internazionale di documentari nato a Vittorio Veneto. Si chiama 30_____70 DOC FEST ed è un festival dedicato ai mediometraggi (dai 30 ai 70 minuti, da qui l’origine del nome) di registi under 35 alla loro opera prima e alla loro prima proiezione in Italia. Un boutique festival innovativo e soprattutto unico in Italia. La prima edizione si è svolta, per ovvi motivi, online - dal 17 dicembre fino al 6 gennaio - ma gli organizzatori sono già al lavoro per la seconda edizione che si terrà a Vittorio Veneto il prossimo autunno. Tanti sono i fattori che hanno determinato il successo di questo progetto ma le parole del sindaco di Vittorio Veneto, Antonio Miatto, che durante la diretta di chiusura ha commentato, rivolgendosi agli organizzatori e al festival: “Vittorio Veneto vi vuole bene” sintetizzano molto bene quella che è stata la risposta del pubblico.

IL SUCCESSO NEL TERRITORIO - Oltre all’amministrazione comunale, che ha appoggiato il progetto da subito e che ha già confermato il suo supporto per la prossima edizione, è stato proprio il territorio a rispondere positivamente alla manifestazione. Un successo che ha coinvolto in una prima fase gli spettatori di Vittorio Veneto e dintorni e, nei giorni successivi, si è allargato a tutta l’Italia. Percorso parallelo seguito anche dalle scuole secondarie superiori coinvolte, prima Vittorio Veneto e Oderzo seguite poi da Venezia, Padova, Cittadella, Schio e Firenze.

I NUMERI - A raccontare molto bene il successo di questa prima edizione sono i numeri: 400 le donazioni effettuate, con una media di due spettatori per ogni abbonamento davanti allo schermo per vedere i 10 film in concorso e 3 fuori concorso durante 21 giorni di festival. E ancora 12 interviste con i registi, 5 incontri speciali per permettere agli studenti di dialogare direttamente con alcuni registi, 2 premiazioni e una festa di chiusura, il tutto chiaramente in diretta streaming su diverse piattaforme per stimolare la partecipazione in prima persona e l’inclusione del pubblico, hanno permesso di raggiungere e attivare un pubblico di 25.000 contatti in tutta Italia.

LE SCUOLE - Sono in totale 540 gli studenti e i docenti da 7 plessi scolastici, licei artistici, linguistici e delle scienze umane, istituti turistici, hanno partecipato guardando i film del concorso e seguendo attivamente i dibattiti e Q&A in prima persona facendo direttamente delle domande ai registi e giurati, anche in lingua, attraverso le piattaforme di condivisione video e social hanno trovato la modalità a loro più congeniale per rapportarsi con gli artisti e comprendere un lavoro che non è per nulla facile, quello del regista e documentarista.

GLI INTERVENTI ISTITUZIONALI

Antonio Miatto (Sindaco di Vittorio Veneto) commenta: “Forse è proprio una forma d’arte come quella cinematografica che può accompagnarci in una situazione come quella attuale. L’entusiasmo è stato grande sin da subito nell’accogliere questo progetto e sappiate che Vittorio Veneto vi vuole bene e vi aspetta, nella speranza di un rapido ritorno alla normalità, per la seconda edizione del festival”.

IL PREMIO DEL PUBBLICO - Il pubblico del festival è stato coinvolto anche attraverso la votazione online tramite la quale è stato assegnato il Premio della giuria popolare. Riconoscimento assegnato al documentario ALL THAT PERISHES AT THE EDGE OF LAND dal Pakistan, diretto dalla regista indiana Hira Nabi. Un film suggestivo e attuale in cui gigantesche navi vengono smantellate su una spiaggia della regione del Gadani in Pakistan e gli uomini che ci lavorano sembrano formiche al loro cospetto. Il racconto di un disastro ambientale che interessa tutti, lo smantellamento delle navi cargo in mare e l’inquinamento che ne consegue, ma anche i problemi sociali e i diritti degli operai calpestati dagli interessi internazionali. Sempre scelto dal pubblico al secondo posto: TERRE EMERSE di Caterina Erica Shanta - Italia - un viaggio con Antonio, architetto e studioso, alla ricerca di coloro che abitano le periferie tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Una storia diversa sulla gestione e raccolta delle acque, che si fa pretesto per intavolare un discorso politico sull’abitare, sulla costruzione delle città e della campagna, sulla colonizzazione indifferenziata del terreno in tempi di cambiamento climatico e dialogo mancato tra generazioni. Al terzo posto per gli spettatori: BÉGUE di Oliver Duval - Francia - il regista francese racconta la propria storia, e cerca, proprio attraverso il documentario, di comprendere i veri motivi della sua balbuzie, cercando di uscire e sfidandosi in ogni modo per superare il suo problema che gli impedisce di relazionarsi con le altre persone “fluidamente”.

IL PREMIO DELLA GIURIA - La strepitosa giuria internazionale è composta da Francesca Mazzoleni, documentarista italiana dell’anno premiata a Vision du Réel con il primo premio per il suo Punta Sacra, Giulio Casadei, direttore artistico di Brive International Film Festival e MedFilm Festival, e Matjaž Ivanišin, regista di punta del panorama cinematografico sloveno. La Menzione speciale della Giuria è stata assegnata a The Bird Island: “In perfetto equilibrio tra documentario e finzione, rigore bressoniano e poesia del quotidiano, tenerezza e violenza, The Bird Island è un film sulla salvezza come processo di scoperta del mondo, sull’etica del lavoro, sull’ordine naturale e crudele delle cose, dove vita e morte sono indissolubilmente legate. Un film terapeutico che riconcilia con l’esistenza.“ The Bird Island di Maya Kosa e Sergio da Costa, presentato nel Concorso Cineasti del Presente a Locarno nel 2019, è un racconto di formazione ambientato all’interno di un rifugio per uccelli nei sobborghi di Ginevra. Uno dei film più rappresentativi dell’anno appena passato, proiettato in tutto il mondo. Premio della Giuria a Transit Circle: "Un viaggio intimo attraverso paesaggi notturni e in cambiamento. Un coming of age non convenzionale che racconta con sapienza formale e minimalismo poetico un sentimento della vita, l’incertezza verso il futuro, il desiderio, l’appartenenza." Transit Circle, presentato a Vision du Réel nel 2019, è un doppio coming of age che dipinge sullo sfondo la trasformazione quotidiana della megalopoli di Hanqzhou. Un film che ha affascinato la giuria e il pubblico attraverso le sue immagini stratificate.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Governo Draghi, c’è la fiducia del Parlamento: è la scelta giusta?

Risultati