Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Confapi scrive una lettera a Conte

Confapi scrive una lettera a Conte

Una lettera al premier con sei azioni per ripartire dopo la pandemia

di Giordano D'Angelo

ROMA - La confederazione italiana della piccola e media industria privata, attraverso Maurizio Casasco, presidente di Confapi, ha mandato una lettera al premier Conte con sei azioni per ripartire dopo la pandemia da coronavirus.

CASASCO - Casasco loda «l’avvio di un ‘Percorso Atlantico’ di fattivo colloquio con gli Stati Uniti, percorso da noi gia’ pubblicamente auspicato, Paese Amico al quale ci lega storia, valori e interessi strategici comuni». Questa strada, evidenzia, «accanto a quella complessa con i Paesi Europei e l’Unione Europea, potrà a nostro avviso rivelarsi molto utile e propizia per reperire le risorse necessarie per riavviare l’Italia». «È chiaro alla nostra categoria di imprese e a noi piccoli e medi industriali che non si potrà che ripartire nelle condizioni di massima sicurezza e incolumità pubblica, allorquando le fabbriche e le sedi delle nostre imprese saranno il posto più sicuro dove stare. Il colloquio con le parti sociali e sindacali e’ fondamentale in questo ambito».

CONFAPI - Confapi suggerisce ancora «una politica di censimento degli infetti COVID-19 per il tramite di appropriati test a rapida risposta, anche con cura e attenzione alla loro età, e la richiamata a funzioni attive di tutti coloro che saranno risultati negativi o già immuni per via del superamento del virus. La gestione dei rientri dei censiti – si evidenzia – potrà farsi in base ai risultati dei test e secondo codici attribuiti alle età e ai fattori di rischio (prima i verdi, poi gli arancioni, segregazione per i rossi), come già in atto in altre esperienze di altri Paesi occidentali».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati