Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Conte: aiuti per «4,3 miliardi ai Comuni e 400 milioni per la spesa»

Conte: aiuti per «4,3 miliardi ai Comuni e 400 milioni per la spesa»

Lo fa sapere il premier nell’ultima conferenza stampa a Palazzo Chigi

di Giordano D’Angelo

ROMA - «Ho appena firmato un dpcm che dispone 4,3 miliardi a valere sul fondo di solidarietà dei Comuni», fa sapere il premier Giuseppe Conte parlando delle misure economiche che il governo vuole adottare per affrontare l’emergenza coronavirus.

I FONDI - Sui numeri dei finanziamenti il premier parla chiaro: «Con ordinanza della protezione civile aggiungiamo a questo fondo 400 milioni, un ulteriore anticipo che destiniamo ai comuni col vincolo di destinarlo alle persone che non hanno i soldi per non fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari».

IL CONFRONTO - «Ci confronteremo a inizio settimana con gli esperti - continua il premier - e confidiamo che ci portino ottime notizie. Noi ci manteniamo sempre vigili per adeguare le nostre valutazioni sulla base delle loro raccomandazioni». 

CASSA INTEGRAZIONE - «La ministra Catalfo e l'Inps - termina Conte - stanno lavorando senza sosta. Vogliamo mettere tutti i beneficiari della Cassa integrazione di accedervi subito, entro il 15 aprile e se possibile anche prima».

GLI INDENNIZZI - Roberto Gualtieri, in compagnia di Conte, interviene sull’ipotesi del Reddito di emergenza, parlando dell’attuale bonus stanziato di 600 euro. «Stiamo lavorando per rendere fruibile il prima possibile» gli indennizzi e «dal 1 aprile con un click si potrà fare domanda e saranno erogati i 600 euro, che vogliamo rafforzare e allargare. Non è tanto il momento di riformare strumenti ordinari ma di far fronte a una situazione straordinaria». Così il ministro Roberto Gualtieri rispondendo a una domanda sull'ipotesi di Reddito di emergenza.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati