Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Convegno psicologi su nuove sfide Ue per diritti umani

Convegno psicologi su nuove sfide Ue per diritti umani

Associazione ReDiPsi promuove dialogo su tutela e promozione diritti imprescindibili per Stati Ue

di Bianca Franchi

ROMA - Si terrà oggi, alle ore 21, il webinar dedicato alla tutela dei Diritti Umani in Europa, organizzato dall'"Associazione ReDiPsi – Reti di Psicologi per i Diritti Umani", che vedrà la partecipazione di importanti ospiti esperti di Diritto Umanitario e politica estera. Nel corso della serata si alterneranno gli interventi di: Fausto Pocar, Professore emerito di Diritto Internazionale dell’Università Statale di Milano, Presidente dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario; Bruno Marasà, già Funzionario Europeo. Esperto di politica estera e comunicazione istituzionale.

I MODERATORI - Modereranno l'incontro Gabriella Scaduto, Psicologa, Psicoterapeuta e Presidente di ReDiPsi e Riccardo Bettiga, Psicologo e Psicoterapeuta.

TUTELA DEI DIRITTI UMANI - “Bisogna parlare sempre di più di diritti umani e della loro tutela, noi psicologi siamo, in prima linea per la loro salvaguardia. La psicologia deve avere un ruolo di stakeholder e dialogare con le altre professioni, e con la politica”, afferma Gabriella Scaduto Presidente di ReDiPSi – Reti di Psicologi per i Diritti Umani. “La tutela dei diritti umani è un patrimonio dell'Unione europea. Valori e principi connessi al loro rispetto sono scritti nei Trattati, ma anche nelle normative legislative e negli accordi con i Paesi terzi. Una particolare attenzione per questo tema c'è nel Parlamento europeo. Con il Premio Sacharov, che ogni anno viene conferito a quanti si battono per la libertà di pensiero e la tutela dei diritti umani, il Parlamento conclude un'azione di monitoraggio e intervento permanente. La questione che si pone oggi è quella di aggiornare il catalogo dei diritti umani rispetto ai nuovi conflitti sparsi nel mondo, alle conseguenze delle migrazioni. Anche l'invadenza delle nuove tecnologie, in termini di tutela della privacy e del controllo dei grandi gestori del web pone seri problemi. Infine, non si possono ignorare le recenti violazioni da parte di alcuni Stati membri dell'UE, Polonia e Ungheria in primo luogo", afferma Bruno Marasà.

IL PUNTO DI RIFERIMENTO - “L'UE ha preso come linea guida la tutela dei diritti umani e ne ha fatto un punto di riferimento essenziale incorporando la Convenzione europea dei diritti umani (CEDU) e la Carta di Nizza nei trattati. Tuttavia il tema è sempre aperto e la violazione dei diritti fa sempre più parte della disgregazione dell'Unione su altre politiche e diviene sempre più una merce di scambio. Il caso di Ungheria e Polonia, dove i meccanismi di controllo e di reazione alle violazioni non sono stati attivati seriamente lo dimostra in modo evidente. E lo dimostra altrettanto la politica in tema di migrazioni, data l'assenza di una politica estera che possa dirsi comune in materia", aggiunge Fausto Pocar. L'evento sarà gratuito e aperto a tutte le persone interessate, previa iscrizione.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Governo Draghi, c’è la fiducia del Parlamento: è la scelta giusta?

Risultati