Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Moda

Coralla Maiuri: la tavola della primavera

Coralla Maiuri: la tavola della primavera

La tavola di primavera per Coralla Maiuri è una composizione musicale

di Giordano D’Angelo

ROMA - Coralla Maiuri sostiene che ogni giorno si può reinventare la tavola e non essere uguale alla precedente. O comunque lei ama sintonizzarsi anche sui semitoni. Da qui la tavola della pioggia, dei ricordi, della compagnia.

LA TAVOLA - Questa è la tavola della primavera, che non è certo un mezzo tono, dove invece prevale il caos della natura che sta per esplodere, i cui suoni sono quelli di un’orchestra che accorda gli strumenti prima di affiatarsi per suonare insieme.

LA TOVAGLIA - La tovaglia riproduce la stampa su canvas di un suo grande quadro su plexiglas dipinto con gli smalti: due grandi nuvole zolle gialle che volano nel cielo unite da un piccolo arco di fili d’erba. Dalla tovaglia spuntano come se attraversassero il tavolo, gli apici dei bulbi di giacinti, alcuni bicchieri si riempiono di fili d’erba, altri di acqua dei colori dei fiori, che annunciano l’imminenza del grande prodigio che è la natura.

I PIATTI - I piatti di Coralla Maiuri sono perfetti protagonisti di questo affresco. Sono piatti di diversi servizi: insieme sono giocosi, in alcuni nel centro il dot primordiale, in altri semi e pollini si inseguono dentro una spirale. Gli strumenti continuano ad accordarsi, si vede che un coniglio è passato di corsa sul tavolo perché ha sparpagliato terra qua e là.

IL COMMENTO - «Mi è piaciuto fare questa tavola - dice Coralla Maiuri - e penso di aver rappresentato bene la natura che preme per venire fuori, il caos allegro di questo momento dell’anno, l’allegria di sentirsi invasi dall’eros della vita che non si ferma».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati