Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Coronavirus, si abbassa l'età dei contagi

Coronavirus, si abbassa l'età dei contagi

"L'età media dei casi di infezione varia a seconda di chi è stato sottoposto a tampone" e dato che adesso sono soprattutto giovani, l'effetto è presto detto

di Valerio Cruciani

ROMA - Attenzione ai giovani! Si abbassa l'età dei contagiati dal virus di Covid-19. Se all'inizio della pandemia nella grande maggioranza i casi registrati in persone anziane, adesso le infezioni sono rilevate soprattutto nei giovani, tanto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) rileva che a spingere la pandemia sono i contagi che avvengono fra chi ha da 20 a 40 anni. La guardia deve quindi restare alta, considerando i rischi per le fasce d'età più vulnerabili.

L'OMS - "L'epidemia sta cambiando e le persone di 20, 30, 40 anni stanno sempre di più pilotando la diffusione", ha detto il direttore dell'ufficio del Pacifico Occidentale dell'Oms, Takeshi Kasai. "Molti non sanno di avere l'infezione - ha aggiunto - e ciò aumenta il rischio di contagio dei più vulnerabili".

IN ITALIA - Si tratta di un problema internazionale che si rispecchia anche in Italia, dove la curva delle nuove diagnosi di infezione, che continua a salire, indica che aumentano sempre di più i giovani contagiati, abbassando la media dell'età dei contagiati. Questo conferma anche i timori dell'OMS secondo cui ci sarebbe un'ampia porzione di popolazione contagiata ma asintomatica. I numeri più recenti diffusi dall'Istituto Superiore di Sanità indicano, per esempio, che all'11 agosto il 51,5% dei casi di infezione (pari a 9.303) era da individui asintomatici, l'8,9% da persone con sintomi molto lievi (1.616) e il 22,6% (22,6%) da persone con sintomi lievi. I dati italiani indicano inoltre che l'età mediana dei casi confermati di infezione da Sars-CoV-2 è scesa dagli oltre 60 anni registrati nei primi due mesi dell'epidemia ai 35 anni di quest'ultimo periodo. 

IL RAPPORTO - "L'età media dei casi di infezione varia a seconda di chi è stato sottoposto a tampone: attualmente si fanno tamponi in prevalenza a persone che tornano dall'estero o a contatti di persone infettate, quindi in persone molte delle quali sono del tutto asintomatiche e spesso giovani", ha osservato l'infettivologo Massimo Galli, dell'Università di Milano e primario dell'ospedale Sacco. "Al momento del grande disastro - ha detto riferendosi alle prime fasi dell'epidemia in Italia - si facevano tamponi solo ai pazienti gravi, che erano in maggioranza anziani. Gli anziani, come dimostrano varie evidenze, compresi i nostri dati di Castiglione d'Adda, non solo sviluppano un'infezione più grave, ma sono anche più suscettibili dei giovani all'infezione, si infettano più facilmente". Adesso però "gli anziani hanno imparato a essere prudenti, a proteggersi, ma bisogna evitare che l'infezione esca di controllo e si estenda di nuovo alle fasce più fragili". A far scattare il campanello d'allarme sono i ricoveri nelle unità di terapia intensiva: "stiamo cominciando a rivedere casi che necessitano di ricovero in rianimazione, anche se pochi, per fortuna. Nel mio ospedale - ha detto Galli - le persone intubate sono due, nemmeno particolarmente anziane, tornate da un viaggio all'estero: tocca per forza continuare a raccomandare cautela e il rispetto per le misure di prevenzione".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

2021, sarà l’anno della svolta anti-Covid?

Risultati