Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Coronavirus, Speranza: «dobbiamo tenere un atteggiamento di massima cautela»

Coronavirus, Speranza: «dobbiamo tenere un atteggiamento di massima cautela»

Il ministro è stato interpellato durante una visita a Casal di Principe per la consegna del premio dedicato alla memoria di Don Peppe Diana

di Federico Marconi

CASERTA - «Dobbiamo essere veloci, determinati per poter ricondurre i focolai alla normalità nel più breve tempo possibile. Questa è la nostra sfida. A Mondragone questo lavoro è stato fatto». Queste le parole pronunciate dal ministro della Salute Roberto Speranza, in visita a Casal di Principe (Caserta), per la cerimonia di consegna del premio alla memoria di Don Peppe Diana. «Quando abbiamo iniziato le aperture dal 4 maggio - ha continuato il ministro - eravamo consapevoli che avremmo avuto una stagione in cui dovevamo convivere con il virus. Il virus non è stato sconfitto, c'è ancora e dobbiamo tenere un atteggiamento di massima cautela. Il punto è che i focolai ci sono, ci saranno e continueranno ad esserci». 

LE MASCHERINE - «Io credo che tutti gli scienziati del nostro Paese e della comunità internazionale dicono tutti la stessa cosa, cioè di mantenere alta l'attenzione. Non si troverà uno scienziato che dice che non bisogna usare le mascherine - spiega Speranza -, che non bisogna lavarsi le mani e che non bisogna rispettare la distanza di un metro. Poi è chiaro che c'è un dibattito legittimo ma su queste regole essenziali restano valide e sono tutti d’accordo. Io - aggiunge - penso che la battaglia non sia vinta e che bisogna essere ancora attenti perché il Paese ha fatto sacrifici enormi e per piegare la curva è stato difficile, e non dobbiamo dimenticare le immagini tremende che abbiamo vissuto. Credo che se faremo così potremmo convivere una fase con il virus in attesa di un vaccino che metterà fine a questa vicenda».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati