Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Cosa bolle in pentola? In teatro la ricetta per un incontro

Cosa bolle in pentola? In teatro la ricetta per un incontro

Un progetto di Qui e Ora Residenza Teatrale

di Stefania Abbondanza

ROMA - La compagnia teatrale Qui e Ora, che da sempre indaga le possibilità di relazione attraverso il cibo e la cucina, orchestra con Cosa bolle in pentola? un'incontro teatrale da sperimentare con una videochiamata: un progetto per sentirsi più vicini, per attivare la memoria, per fare nuove conoscenze, in questo momento di distacchi forzati. Su, tutti a cena! E abbasso i mali auguri! da “Antonio e Cleopatra” di W. Shakespeare

LE ATTRICI - Tre moderne maestre di cerimonia, le attrici della compagnia Qui e Ora, Francesca Albanese, Silvia Baldini e Laura Valli, metteranno in contatto tra loro due sconosciuti e li inviteranno al dialogo e al confronto intorno al tema del cibo. Come accade nelle cene venute bene, le padrone di casa mettono a loro agio gli ospiti e li fanno conoscere, con l'auspicio che ne nasca una relazione, un'amicizia o semplicemente una buona conversazione. Parlare di cibo è dunque un pretesto per rivelare cosa realmente “bolle in pentola“, da dove veniamo, quali sono le nostre aspirazioni e anche le nostre contraddizioni.

SOSPENSIONE - Venti minuti per creare un momento di sospensione dal quotidiano, un rito contemporaneo a cui abbandonarsi tramite un'accurata mediazione artistica. Un'alchimia delicata, che non vuole sostituirsi al teatro dal vivo, ma che nasce dalla stessa esigenza di condivisione e confronto. I partecipanti alla videochiamata vengono mixati ad arte con i tanti attori passati dalla residenza artistica di Qui e Ora in provincia di Bergamo e con i numerosi partecipanti ai laboratori organizzati dalla compagnia.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati