Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Crisanti: “Vaccino a dicembre? Sarei preoccupato”

Crisanti: “Vaccino a dicembre? Sarei preoccupato”

Interviene il microbiologo su Cusano Italia Tv, parlando anche dei trasporti: “Sono un'occasione di assembramento pazzesca”

di Giacomo Zito

ROMA - Trasporti "che sono un'occasione di assembramento pazzesca” mentre “non si capisce perché si sanzionino cinema e spettacoli". Così interviene il virologo Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia dell'Università di Padova, in merito alle decisioni prese sul nuovo dpcm. Ospite del programma "L'imprenditore e gli altri" condotto da Stefano Bandecchi, su Cusano Italia Tv, il microbiologo si sofferma sulle decisioni prese, anche legate al mondo della scuola: “Si poteva aprire un determinato distretto scolastico un mese prima per capire cosa succedeva in quella determinata area e non è stato fatto. Poi - aggiunge - si potevano fare campionamenti massicci con i test rapidi per capire se c'era trasmissione virale. Adesso qualsiasi discorso sulle scuole è fatto sulla base di intuizioni, di sensazioni".

IL VACCINO - Mostra preoccupazione, inoltre, sulla possibilità di avere un vaccino efficace prima della fine dell’anno: "Il vaccino disponibile per i primi di dicembre? Se questo dovesse accadere sarei preoccupato perché significherebbe che il vaccino non è stato testato sul campo, sulla popolazione, per dimostrare che c'è una differenza statisticamente significativa tra i vaccinati e i non vaccinati. Sarebbe veramente una cosa senza precedenti se questo accadesse. Finora - spiega Crisanti - non è apparsa una sola pubblicazione scientifica al vaglio della Comunità, che testimoni che questo vaccino ha le caratteristiche che dicono che abbia. Il vaccino - prosegue - è lo strumento più adatto a combattere le malattie infettive in termini di costi ed efficacia. Detto questo, il processo di sviluppo di un vaccino rimane molto complesso e lungo, anche nella distribuzione".

IL COMPROMESSO - In merito alle decisioni prese nell’ultimo dpcm, Crisanti commenta: “E’ un compromesso. Sono provvedimenti che diminuiscono i contatti, alcuni sono ragionevoli, altri meno comprensibili come il divieto di partecipazione a spettacoli e cinema, luoghi abbastanza regolati". Ora, conclude, “bisognerà aspettare. D’altronde i provvedimenti approvati domenica, probabilmente avranno un impatto tra 10-15 giorni”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati