Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Crisanti: “Vaccino a dicembre? Sarei preoccupato”

Crisanti: “Vaccino a dicembre? Sarei preoccupato”

Interviene il microbiologo su Cusano Italia Tv, parlando anche dei trasporti: “Sono un'occasione di assembramento pazzesca”

di Giacomo Zito

ROMA - Trasporti "che sono un'occasione di assembramento pazzesca” mentre “non si capisce perché si sanzionino cinema e spettacoli". Così interviene il virologo Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia dell'Università di Padova, in merito alle decisioni prese sul nuovo dpcm. Ospite del programma "L'imprenditore e gli altri" condotto da Stefano Bandecchi, su Cusano Italia Tv, il microbiologo si sofferma sulle decisioni prese, anche legate al mondo della scuola: “Si poteva aprire un determinato distretto scolastico un mese prima per capire cosa succedeva in quella determinata area e non è stato fatto. Poi - aggiunge - si potevano fare campionamenti massicci con i test rapidi per capire se c'era trasmissione virale. Adesso qualsiasi discorso sulle scuole è fatto sulla base di intuizioni, di sensazioni".

IL VACCINO - Mostra preoccupazione, inoltre, sulla possibilità di avere un vaccino efficace prima della fine dell’anno: "Il vaccino disponibile per i primi di dicembre? Se questo dovesse accadere sarei preoccupato perché significherebbe che il vaccino non è stato testato sul campo, sulla popolazione, per dimostrare che c'è una differenza statisticamente significativa tra i vaccinati e i non vaccinati. Sarebbe veramente una cosa senza precedenti se questo accadesse. Finora - spiega Crisanti - non è apparsa una sola pubblicazione scientifica al vaglio della Comunità, che testimoni che questo vaccino ha le caratteristiche che dicono che abbia. Il vaccino - prosegue - è lo strumento più adatto a combattere le malattie infettive in termini di costi ed efficacia. Detto questo, il processo di sviluppo di un vaccino rimane molto complesso e lungo, anche nella distribuzione".

IL COMPROMESSO - In merito alle decisioni prese nell’ultimo dpcm, Crisanti commenta: “E’ un compromesso. Sono provvedimenti che diminuiscono i contatti, alcuni sono ragionevoli, altri meno comprensibili come il divieto di partecipazione a spettacoli e cinema, luoghi abbastanza regolati". Ora, conclude, “bisognerà aspettare. D’altronde i provvedimenti approvati domenica, probabilmente avranno un impatto tra 10-15 giorni”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati