Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Cucina e vacanze in Kufsteinerland

Cucina e vacanze in Kufsteinerland

I sapori con vista sulle montagne

di Bianca Franchi

BOLZANO - In Kufsteinerland, la splendida regione situata in Tirolo, in Austria, i bellissimi villaggi pittoreschi, a misura d’uomo, attirano grandi e piccini per incontri con i sapori alpini: le proposte soddisfano davvero tutti: amanti della carne, della cucina vegetariana, vegana, e ovviamente austriaca. Tra le specialità più tipiche, sulla tavola troviamo la pancetta e la grappa distillata in casa, la birra prodotta nel territorio, gli gnocchi di pancetta, i fagottini di formaggio pressato, fatti con formaggio di montagna o formaggio grigio tirolese, i classici "Gröstl" tirolesi, il "Marend", che viene servito come spuntino o pasto leggero, composto da pancetta, formaggio, rafano e pane della fattoria.

I FORMAGGI - Un posto particolare è da dedicare ai formaggi, in particolare a quelli prodotti con il latte delle mucche che pascolano in libertà: a Niederndorf sono due i rinomati caseifici che incantano anche i palati più sopraffini. Il caseificio Plangger utilizza un latte biologico grazie alla coltivazione dei pascoli senza prodotti fertilizzanti chimici; le mucche si nutrono di fieno ricco e nutriente, essiccato in modo lento; il formaggio è affinato e lasciato maturare in speciali casere per acquisire un sapore unico e particolare. La malga Hatzenstädt produce da oltre 70 anni Emmental e formaggio d’alpe di altissima qualità, con ingredienti biologici di origine controllata rispettando sempre la stessa ricetta e utilizzando acqua di fonte pura e incontaminata, latte senza insilati, caglio naturale e sale. Un altro caseificio rinomato è Ackernalm a Thiersee, il più grande e moderno caseificio di tutta l’Austria, un tempio dei formaggi pluripremiato.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati