Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Cura, Il nuovo libro di Marco Trabucchi

Cura, Il nuovo libro di Marco Trabucchi

Conduce il lettore verso la messa a fuoco di quelle implicazioni profondamente etiche e spirituali,

di Valerio Cruciani

ROMA - Quest'ultimo libro di Marco Trabucchi, seppure sia chiaramente indirizzato verso tutte quelle persone che - per lavoro o per necessità – oggi si stanno prendendo cura di una persona fragile, è invero una lettura consigliabile a tutti, perché conduce il lettore verso la messa a fuoco di quelle implicazioni, profondamente etiche e spirituali, che la parola “cura” custodisce in sé.

TRABUCCHI - Da sempre Trabucchi affronta il mondo della vecchiaia, e della malattie connesse all'invecchiamento, insistendo nella relazione di reciprocità, di amore e fiducia, che deve essere alla base del rapporto medico paziente. Perché la medicina non basta da sola se non c'è attenzione, ascolto, rispetto... cura.

GLI ANZIANI - Gli anziani sono individui massimamente fragili. Molto spesso le malattie degenerative legate all'invecchiamento impediscono loro di comunicare adeguatamente, mettendoli all'angolo della solitudine e lasciandoli esposti al dolore. Il medico allora deve saper ascoltare anche il silenzio. Leggendo i vari comportamenti, apparentemente scontrosi o aggressivi, capendo anche chi non può o non sa dire quanto soffre.

SCRITTURA INTENSA  - Dalla scrittura intensa e sempre ferma di Trabucchi ecco far capolino una meravigliosa parole chiave: tenerezza. Trabucchi lavora sempre con la sua grande umanità. Sa molto bene che la vulnerabilità ha bisogno di un'attenzione speciale, di una dedizione speciale. Sa che solo la tenerezza abbatte le barriere della non comunicabilità.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati