Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

“Dante Alighieri latitante fiorentino” con i detenuti-attori di Rebibbia

“Dante Alighieri latitante fiorentino” con i detenuti-attori di Rebibbia

Drammaturgia e regia di Fabio Cavalli dalla Divina Commedia

di Silvia de Mari

ROMA - “Dante Alighieri latitante fiorentino” con i detenuti-attori di Rebibbia ha debuttato il 25 novembre all’Aula Magna dell’Università Roma Tre, Scuola di Lettere e Filosofia – Via Ostiense 236. Per la prima volta i detenuti del Teatro Libero di Rebibbia escono a celebrare il Sette centenario dantesco oltre le mura del carcere.

L'OCCASIONE - L’occasione è il Convegno Internazionale organizzato dall’Università, con il Pontificio Consiglio della Cultura. Li accolgono in Aula Magna il Rettore Luca Pietromarchi e il Cardinale Gianfranco Ravasi, insieme al pubblico che aspetta di ascoltare una lettura tutta speciale del Poeta. Dal carcere la Commedia si rivela in modo nuovo, con strani accoppiamenti: Inferno/Ergastolo, Gironi/Bracci e celle, Peccato/Reato, Pena/Tortura, Giustizia divina/Ingiustizia umana. Per non dire di Diavoli/Giudici e Carcerieri …

I DETENUTI - I detenuti-attori portano il peso della condanna, e sanno che i versi del III Canto sembrano rivolti a loro, che non hanno speranza «e la lor cieca vita è tanto bassa / che invidiosi son d'ogni altra sorte …  misericordia e giustizia li sdegna / non ragioniam di lor, ma guarda e passa». Invisibili al mondo come dannati all’Inferno, i carcerati leggono fra le righe di Dante e trovano nella Commedia tante analogie col loro destino. Alcuni ritrovano la propria sorte in quella del Conte Ugolino, infamato e tradito dall’Arcivescovo Ruggieri e destinato a rosicarne il cranio per l’eternità (Canto XXXIII); e poi Ulisse, condannato come truffatore e ingannatore, che al Canto XXVI esorta i compagni a farla finita con la brutalità e a vivere seguendo invece la virtù e la conoscenza. E che dire del più celebre di tutti: il V Canto? Paolo e Francesca. I due “lussuriosi” condannati ad amarsi per l’eternità, senza che mai sia concesso loro di potersi accoppiare: proprio come un ergastolano al colloquio settimanale con la propria moglie. Perché in carcere, come all’inferno, l’amore è proibito per Legge. Ma qualcuno di questi attori esce infine a “riveder le stelle” proprio grazie a Dante Alighieri latitante fiorentino: la più sorprendente celebrazione per i 700 anni del “condannato” che, attraverso la Poesia, volle farsi Giudice.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Quirinale, Mattarella saluta: super partes o sarà crisi 13 dicembre 2021 10:01

Quirinale, Mattarella saluta: super partes o sarà crisi

L’elezione del 13° Presidente della Repubblica si presenta come una delle più delicate

ROMA - Il 3 febbraio 2022 si chiuderà ufficialmente il settennato di Sergio Mattarella, che saluterà il Quirinale dopo aver dato mandati per quattro Governi (Gentiloni, Conte I, Conte...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio: alla luce degli evidenti errori arbitrali, sarebbe giusto espandere l'utilizzo del VAR in ogni competizione calcistica?

Risultati