Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno "E' ITA"

Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno "E' ITA"

L'Italia del miracolo economico filtrata dallo sguardo della piccola provincia romana dei primi anni sessanta

di Valerio Cruciani

ROMA - Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 5 all'8 marzo 2020 “E' Ita” spettacolo scritto da Martina Tiberti, diretto da Sergio Brenna anche interprete insieme a Flavia Germana de Lipsis e Giuseppe Mortelliti di un lavoro nato dalla voglia di recuperare attraverso il linguaggio e la memoria storica, stralci di vita di una comunità scomparsa ma non perduta, quella di un paese della provincia di Roma durante il miracolo economico.

LA TRAMA - Biagio, detto ‘Bobby’, nominato Secondo dalla madre, gioca a boxe dall’età di quindici anni ma dopo anni di combattimenti gli unici premi restano un panino con la mortadella e pochi spicci, così un giorno, dopo aver ingoiato l’ultimo boccone, decide “d’impararsi un mestiere”, uno di quelli che “attacchi ‘a matina ma non sai quannu returni”, ritorni che è buio, di sicuro: il muratore. È grazie a quest’arte che si costruisce una casa su un pezzo di terra confinante con il cimitero, che vede per la prima volta la città, “Roma padrona che i vecchi li piega e i giovani li doma”, che conosce la vita del cantiere, che si fa degli amici, che si confronta con l’illusione di un benessere alla portata di tutti, quel benessere che investe la metropoli e fa capolino sulla campagna, dove l’unico modo per sopravvivere e rimanere al passo con la vita diventa il pendolarismo.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni 1 giugno 2020 10:02

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni

Il movimento si auto-dichiara in aperta opposizione al populismo, eppure...

“Tempi duri per i troppo buoni” recitava e recita tuttora un adagio popolare, che sta a sottolineare come la mancanza di malizia o scaltrezza possa lasciare dietro i più puri o,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati