Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

La chirurgia estetica del 2015

Nella top ten il ritocco al naso, alle palpebre e al seno

di Fabiana Pellegrino

In fatto di chirurgia estetica, nel 2015 domineranno il ritocco al naso, quello alle palpebre e l'aumento del seno. A dirlo è la Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica (Sicpre) che raggruppa l'80% dei chirurghi plastici del nostro Paese. Una hit stilata alla luce dei dati di traffico del sito www.sicpre.it, secondo il numero di visualizzazioni e dal tempo di permanenza registrato per le varie pagine del portale. In base ai dati raccolti nel periodo indicato, dunque, la pagina relativa alla rinoplastica che permette di correggere il naso è stata visualizzata 237 volte, con un tempo medio di permanenza davanti alla pagina di quasi 4 minuti. Al secondo posto la blefaroplastica, il ritocco alle palpebre, eseguito nella stragrande maggioranza dei casi per ottenere uno sguardo più giovane. In questo caso le visualizzazioni della pagina sono state 220, per un tempo medio di 2,4 minuti. In terza posizione c'è infine la mastoplastica additiva, l'intervento di aumento del seno, che ha totalizzato 216 visualizzazioni di pagina per un tempo medio di 3,2 minuti. Nella classifica redatta dai chirurghi della Sicpre seguono l'addominoplastica, che permette di eliminare i tessuti in eccesso dalla pancia (al quarto posto con 135 visualizzazioni, tempo medio 2,3 minuti), e la ricostruzione mammaria (quinta con 130 visualizzazioni, 1,4 minuti), l'intervento di chirurgia plastica ricostruttiva che si esegue dopo un'operazione per tumore al seno, senza alcun esborso da parte della paziente poiché a carico del Servizio sanitario nazionale.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria 6 luglio 2020 10:01

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria

L’ultima trovata del leader leghista, intento a cercare nuovi consensi e voti, riguarda la delicata questione tra Hong Kong e Cina

ROMA - “LIBERTÀ PER HONG KONG!”, uno slogan di quelli chiari e precisi. Quattro parole per schierarsi apertamente a favore del territorio autonomo posizionato nel Sudest della...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati