Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Dimenticatevi tweets, like ed emoji. È ora di concedersi un “social media detox”

Dimenticatevi tweets, like ed emoji. È ora di concedersi un “social media detox”

Perchè quindi non regalarsi una vacanza digital-free senza smartphone e social network?

di Alessia Salmoni

ROMA - Ormai ne parlano tutti: “The Social Dilemma”, il docu-film di Netflix che ci mostra il lato oscuro dei social media e gli effetti negativi di Facebook, Instagram, Tik Tok & co. sulla nostra quotidianità, è tra le pellicole più viste degli ultimi giorni sulla piattaforma streaming che vanta il maggior numero di abbonati in Italia. Il documentario firmato da Jeff Orlowski in cui i pentiti della Silicon Valley raccontano il dilemma etico che li ha portati a lasciare le società dove ricoprivano ruoli apicali ha innescato una serie di interrogativi sull’utilità/pericolosità della tecnologia puntando i riflettori sul bisogno sempre più forte di un “digital detox”, lontano da tweet, like ed emoji. 
 
LA VACANZA DETOX - Qualche ora o, meglio ancora, qualche giorno offline è senza dubbio un toccasana per la mente perché allontana lo stress, l’ansia, la stanchezza e persino la depressione, che sono spesso conseguenze dell’indigestione da social. Quella che è stata definita FOMO (Fear of Missing Out), ovvero la paura di essere tagliati fuori e di perdersi tutto ciò che accade in rete, è una dipendenza che va eliminata, piano piano, con qualche piccolo ma efficace accorgimento: disabilitare le notifiche, non portare lo smartphone in camera da letto, inserire l’Out of Office al proprio indirizzo email, mettere il cellulare in modalità Aereo e magari ascoltare della buona musica invece di continuare a controllare Whatssup. Ma cosa c’è di meglio, oltre a tutto ciò, di una vacanza digital-free per staccare davvero la spina e provare a disintossicarsi dalla tecnologia?
 
LA SCELTA - L’Alto Adige in autunno è una delle scelte che più si presta a questo scopo: il sole è ancora tiepido, l’aria è pulitissima, gli spazi e la natura dagli incredibili colori invitano a godere di giornate meravigliose e tutti gli hotel riservano ai propri ospiti un’accoglienza davvero unica. Qui sotto, alcune interessanti proposte “Digital Detox” da non perdere.

YOGA E TREKKING AL SILENA DI VALLES -  Dal 18 al 25 ottobre, il retreat hotel Silena di Valles (Bz) propone “Yoga e trekking”, 7 notti con 6 sessioni di yoga da 90 minuti, 6 sessioni di yoga da 60 minuti, acqua, tè e frutta, 3 escursioni di mezza giornata in montagna, il libro “Wandern in Achtsamkeit” (Mindfulness per camminatori) di Adam Ford e un “rituale del fuoco” al tramonto (incontro in giardino, attorno a un braciere, per riflettere su sé stessi e sulle proprie aspettative). Numero minimo di partecipanti: 6 persone. Dieta vegetariana o vegana su richiesta e tutti i servizi Silena Soulful inclusi (libero accesso alla meravigliosa spa, cena con menù “Soulfood” di 5 portate, letture d’ispirazione e “infusi di parole” in sauna, Qi Gong e meditazione, cerimonia del tè nella Haiku Cha Lounge, biblioteca con oltre 1000 libri e molto altro).

DETOX NEL BOSCO AL JOSEPH MOUNTAIN RESORT DI AVELENGO (BZ) - È un retreat molto speciale dove potersi rilassare in totale privacy, lasciar andare i  pensieri e sperimentare un detox davvero unico. Nella costruzione in legno di tre piani che “sconfina” letteralmente nel bosco ed è accessibile attraverso una passerella pedonale direttamente dall’hotel convivono due sale relax ispirate ai 4 elementi naturali (Acqua & Cristalli e Fuoco & Legno), un percorso Kneipp, una spettacolare sky terrace con piscina riscaldata e 11 postazioni idromassaggio per meravigliose “nuotate” tra le cime degli alberi. Oltre all’esperienza nella Forest Sauna, il Josef Mountain Resort propone anche percorsi sensoriali outdoor da fare a piedi nudi e rigeneranti rituali benessere con cristalli e erbe di montagna nella meravigliosa Forest Spa (1300 mq). Qualche esempio? Il peeling corpo alla polvere di cristallo di rocca con crema nutriente che lascia la pelle morbida e luminosa, o il trattamento viso Age Protect alla rosa alpina che grazie alle fitocellule staminali del bellissimo fiore dall’azione dermoprotettiva contrasta le aggressioni degli agenti ambientali e rafforza le difese naturali della pelle preservandone la giovinezza. 

MINI-SPA PRIVATA CON VISTA SULLE MONTAGNE ALL'HOTEL LAMM DI CATELROTTO (BZ) - L’Hotel Lamm di Castelrotto è il posto giusto per un alp-detox dagli effetti duraturi. Qui ci si può sdraiare sui lettini di cirmolo nella spa lounge sulla terrazza, nuotare nella scenografica rooftop sky pool, rilassarsi nella sauna finlandese, nella biosauna, nel bagno turco, provare le docce esperenziali e i tanti trattamenti benessere per ritrovare in poco tempo l’armonia di corpo e mente. Ma per un relax più esclusivo non perdete l’offerta “Travel safe – Schlern Suite Deluxe con mini spa”: 1 notte (ma si può anche prolungare il soggiorno) con aperitivo di benvenuto in camera, ricca colazione con un'ampia selezione di prodotti di qualità altoatesini, cena a più portate cucinata dallo chef Marc Oberhofer, mobilcard "Ferienregion Seiser ALM LIVE" per l'uso gratuito del trasporto pubblico, borsa wellness ma soprattutto un’area benessere privata e sicura in camera e sulla terrazza per rilassarsi indisturbati godendo del meraviglioso panorama (oltre ovviamente all’uso gratuito dell'area spa dell’hotel).

UVA E MIELE AL PARKO HOTEL MIGNON DI MERANO (BZ) - Sono tante le proprietà benefiche dei prodotti di montagna: miele, fieno, erbe alpine, arnica, pino aiutano l’organismo ad eliminare le tossine e a depurarsi, a sciogliere le tensioni e alleviare i dolori, a rilassare corpo e mente per ritrovare il giusto equilibrio e l’armonia. Così anche uva e mele, eccellenze altoatesine che – oltre ad essere celebrate con feste tradizionali e prelibatezze gastronomiche (la festa dell’uva, il Törggelen, la raccolta delle mele, lo strudel) – vengono usate in molti trattamenti wellness. Al Park Hotel Mignon di Merano, 5 stelle a due passi dal centro, sono 2 i trattamenti signature nell’elegante beauty farm: “Uva per lei” che sfrutta le proprietà dell’uva e include un peeling corpo alla vinaccia per rivitalizzare i tessuti e riattivare la circolazione sanguigna, un caloroso impacco total body per rafforzare l’effetto purificante e un massaggio viso e nuca con olio di vinaccioli per un relax totale che si conclude con un buon bicchiere di succo d’uva, oppure un indimenticabile “Bagno Softpack alla mela” che stimola il ringiovanimento dell’organismo, mantiene l’elasticità dei tessuti ed elimina tutte le tossine. Quindi perché non approfittare delle “Settimane autunnali” dal 10 al 30 ottobre per provarli?

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati