Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Elezioni Usa 2020, Facebook pagherà utenti per disattivare account

Elezioni Usa 2020, Facebook pagherà utenti per disattivare account

Con compensi che possono arrivare fino a 120 euro, così da testare l'impatto della piattaforma sugli atteggiamenti politici

di Giacomo Zito

ROMA - Un esperimento "per comprendere meglio l’impatto di Facebook e Instagram sugli atteggiamenti e comportamenti politici chiave durante le elezioni negli Stati Uniti del 2020" e così ad alcuni utenti delle piattaforme degli Stati Uniti verrà chiesto di disattivare il proprio account, anche con un compenso che può arrivare fino a 120 dollari. La ricerca - resa nota da Facebook, ma i dettagli sono trapelati su alcuni media Usa - fa parte di una strategia intrapresa dalla piattaforma dopo le polemiche sul voto del 2016. Comprende anche la limitazione degli spot politici nella settimana che precede le elezioni Usa, annunciata la scorsa settimana. 

LA RICERCA - La ricerca venne annunciata per grandi linee qualche giorno fa dallo stesso social network sulla sua "newsroom" poi, nei giorni successivi, vennero ampliate alcune indiscrezioni sui media Usa. Si tratterà di una disattivazione dell’account temporanea (e valida solo per chi sceglie di partecipare al test) e partirà dalla fine di settembre. Si potrà ricevere un massimo di 20 dollari a settimana, per un totale massimo di 120 dollari per l’intero periodo dello studio. 

I RISULTATI - La ricerca sarà portata avanti da 'data scientist’ indipendenti e i risultati saranno resi noti l’anno prossimo, scrive il New York Post che sostiene possano partecipare "dalle 200mila alle 400mila persone". Alcuni potenziali partecipanti vedranno un avviso su Facebook o Instagram che li invita a prendere parte allo studio. 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati