Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Moda

Estetica, ora i giovani vogliono “l’effetto filtro”

Estetica, ora i giovani vogliono “l’effetto filtro”

Questo ha portato tantissime persone all’utilizzo di filtri e di App

di Claudio Carassiti

COMO – Anche nel campo della medicina estetica il lockdown ha portato grandissimi cambiamenti. Costretti tra le quattro mura domestiche o nei casi più fortunati nel giardino di casa, la quasi totalità delle persone si è rapportata con gli altri attraverso uno schermo, per mezzo di video chiamate, e il rischio di trovarsi a volte in disordine.

IL COMMENTO - «Mai come in questo momento il nostro viso è stato sotto riflettori, e anche le persone più comuni sono state protagoniste di una sorta di Grande fratello del lockdown», spiega il chirurgo estetico ed esperta di moda e bellezza, Monica Gabetta Tosetti. Questo ha portato tantissime persone all’utilizzo di filtri e di App specifiche per fare in modo che il proprio volto fosse più bello nei confronti dei propri interlocutori.

L’USO CONTINUO - L’uso quasi incontrollato di queste App purtroppo ha portato le persone, e soprattutto gli adolescenti, a recarsi nello studio dei medici o dei chirurghi estetici con la richiesta di poter avere il viso, la pelle o i lineamenti, trasformati come fa un App o un filtro», continua la dottoressa, che gestisce anche un atelier di famiglia a Como Un obiettivo molto ambizioso da raggiungere,  che a volte non è realisticamente realizzabile, parlando appunto di App o filtri presenti sulle applicazioni, con effetti difficili da replicare nella realtà.

UN POSSIBILE DANNO - E questo negli adolescenti è diventato un problema veramente grande, dietro cui si celano addirittura degli atti di cyberbullismo. La dottoressa Monica Gabetta Tosetti, che è stata spesso durante questo lockdown in rapporto con i clienti dell’atelier, e le pazienti in videochiamata, ha sentito particolarmente chiaro e forte questo problema.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati