Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Eurotour: in Cina attacca Ashun Wu e rimonta Guido Migliozzi

Il cinese ha due colpi di vantaggio su Tapio Pulkkanen. Out al taglio Paratore e Pavan

di Giordano D'Angelo

CHENGDU - Il cinese Ashun Wu, uno dei due più attesi giocatori di casa, ha decisamente attaccato con un 65 (-7) e ha preso il comando con 131 (66 65, -13) colpi nel Volvo China Open (European Tour), in svolgimento sul percorso del Tradition at Wolong Valley (par 72) a Chengdu in Cina. Ha recuperato ben 60 posizioni Guido Migliozzi, 43° con 141 (73 68, -3), e sono usciti al taglio Renato Paratore, 70° con 143 (74 69, -1) e Andrea Pavan, 84° con 144 (72 72, par), e si è ritirato nel primo turno Nino Bertasio.

IL LEADER - Il leader ha due colpi di margine sul finlandese Tapio Pulkkanen (133, -11), tre sullo spagnolo Jorge Campillo (134, -10) e quattro sul francese Benjamin Hebert (135, -9). Tra i sei concorrenti al quinto posto con 136 (-8) il sudafricano Erik Van Rooyen e l’australiano Min Woo Lee, fratello minore di Minjee Lee, numero due mondiale, e unici due fratelli ad essersi imposti in un torneo juniores dell’USGA statunitense (US Junior e US Girls). Ha ceduto l’altro cinese favorito alla vigilia, Haotong Li, sceso dal settimo al 32° posto con 140 (-4), stesso score dello svedese Alexander Bjork, campione in carica, entrambi probabilmente fuori dalla corsa al titolo.

ASHUN - Ashun Wu, 34enne di Xiamen Fujian, in cerca del quarto successo sul tour e vincitore di questa gara nel 2015, ha segnato otto birdie e un bogey. Quattro birdie senza bogey per Guido Migliozzi che ha operato la rimonta con un 68 (-4). Il montepremi è di 20.000.000 di renmimbi. (circa 2.660.000 euro)

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni 1 giugno 2020 10:02

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni

Il movimento si auto-dichiara in aperta opposizione al populismo, eppure...

“Tempi duri per i troppo buoni” recitava e recita tuttora un adagio popolare, che sta a sottolineare come la mancanza di malizia o scaltrezza possa lasciare dietro i più puri o,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati