Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Fallimento banca di staminali svizzera: un disastro annunciato

15 mila famiglie italiane hanno perso le tracce del sangue del cordone ombelicale del proprio figlio

di Giordano D'Angelo

SAN MARINO – 15 mila: è questo il numero delle famiglie italiane che hanno perso le tracce della sacca di sangue del cordone ombelicale del proprio figlio che avevano affidato a una banca di cellule staminali con laboratori in Svizzera e una controllata italiana. La crioconservazione sarebbe dovuta durare 20 anni, ma la banca è fallita. Unica informazione giunta – hanno raccontato alla stampa alcuni dei genitori coinvolti – è quella di un accordo di subappalto con laboratori polacchi per il proseguimento della conservazione. Molte famiglie, però, non sono riuscite a rintracciare il sangue che avevano consegnato alla società per la crioconservazione.

VIE LEGALI - L'intenzione è di agire per vie legali e class action. La situazione non è però paragonabile al fallimento di un istituto bancario: il bene conservato in una biobanca non può trovare un corrispettivo economico che compensi realmente la perdita. D'altra parte, quanto accaduto non deve far perdere fiducia nelle banche di cellule staminali. Piuttosto, deve far riflettere sulla necessità di mettere il sangue del cordone ombelicale dei propri figli nelle mani di società affidabili e solide dal punto di vista economico.

L’EVOLUZIONE - Da questo punto di vista, quanto è accaduto non stupisce perché l'evoluzione della società coinvolta era largamente prevedibile. Era evidente da diversi anni, infatti, che i costi prospettici che la società aveva accumulato dalla vendita del servizio di 20 anni di crioconservazione non potevano essere coperti dalle inconsistenti riserve dichiarate in bilancio. L’ipotesi di coprire i costi maturati con l’incasso di nuovi clienti, che sarebbe comunque stata espressione di uno “schema Ponzi”, è stata invece vanificata dalla profonda crisi del settore specifico.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati