Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Fascismo, lo storico: cantare "Faccetta nera" oggi è "tifoseria da santini"

Fascismo, lo storico: cantare "Faccetta nera" oggi è "tifoseria da santini"

Il commento a seguito della performance dell'assessore regionale del Veneto che ha cantato uno degli inni fascisti durante un programma in radio

di Maria Chiara Fantauzzi

BOLOGNA - Cosa vuol dire cantare oggi canzoni come "Faccetta nera" in radio, specialmente se a farlo è un esponente politico che ammette di preferirla a "Bella Ciao"? L'agenzia Dire lo ha chiesto allo storico contemporaneista Alberto Guasco, ricercatore presso il Cnr-Isem (Istituto di storia dell'Europa Mediterranea) di Milano, a cui è stato quindi chiesto di commentare quanto accaduto al programma radiofonico "La Zanzara" dove Elena Donazzan, assessore regionale del Veneto con delega al Lavoro e all'Istruzione si è cimentata nell'esecuzione del brano tra gli inni del Ventennio. Secondo Guasco la performance non è altro che "un episodio-specchio. Specchio del fatto che ci sono pagine di storia su cui non riusciamo a far pace". Quanto andato in onda, secondo lo storico, conferma come ci siano in Italia "settori che -con fini diversi- tentano di riabilitare una storia, quella in camicia nera, che non è riabilitabile; e che la risposta che ne viene è più spesso retorica che di contenuto". Dunque, "specchio di un dibattito pubblico che non riesce a dibattere niente, perché non è dibattito, è tifoseria di santini, suppellettili e slogan". In merito in Veneto è quindi scoppiata una polemica che non è stata placata nemmeno dalle scuse della stessa dirigente. 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Governo Draghi, c’è la fiducia del Parlamento: è la scelta giusta?

Risultati