Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Festa della Birra: 20 + 1 edizione a Fabrica di Roma

Ad accompagnare la protagonista “luppolo made” anche una serie di menu rapidi e diversificati

di Stefania Abbondanza

FABBRICA DI ROMA - 20 + 1: venti edizioni passate ma la prima organizzata dall’Associazione Festeggiamenti SS. San Matteo e Giustino già da anni operativa a Fabrica di Roma con manifestazioni quali le feste patronali, la  sagra della Pecora e quella del fagiolo carne. Questa sarà la Festa della Birra, la più attesa nella Tuscia viterbese, in programma quest’anno dal 23 al 25 agosto che, tra cover band e trapper dell’ultima generazione che offrirà, per la prima volta ad ingresso libero, uno spettacolo di divertimento e degustazioni con molte sorprese.

DA BERE - Tra le novità “da bere” (ed ammirare) ci sarà una speciale Heineken prodotta esclusivamente per la festa: si tratta di una birra non trattata, non pastorizzata e “a caduta”, quindi senza aggiunta di gas, contenuta in 2 tank da mille litri l’uno. Otto saranno inoltre otto diverse tipologie di birra da “testare”, provenienti da vari Paesi: le chiare Slalom Strong Lager (Gran Bretagna), Blanche de Bruxelles (Belgio), Heineken (Olanda) e Lagunitas IPA (USA); la scura Watneys Scotch Ale (Belgio); le ambrate Bulldog Strong Ale (Gran Bretagna), San Biagio Monasta (Italia) e Affligem Rouge (Belgio).

I MENU - Ad accompagnare la protagonista “luppolo made” anche una serie di menu rapidi e diversificati, ma soprattutto una musica coinvolgente adatta ad ogni generazione che vedrà aprire i concerti di giovedì, venerdi e sabato con dei gruppi di ragazzi del luogo per far conoscere anche la produzione musicale del territorio fabrichese.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati